Un team di scienziati ha identificato alcune caratteristiche che possono rendere le persone più suscettibili nel sostenere di “sentire” (percepire, parlare) con i morti. Un nuovo studio suggerisce che le persone che si descrivono come “chiaroveggenti” hanno alcune caratteristiche in comune, tra cui la suscettibilità alle allucinazioni uditive e le esperienze infantili.

Le affermazioni di spiritualisti e medium hanno a lungo affascinato gli scienziati, ma sono accolti con scetticismo a causa della mancanza di prove e di una genuina curiosità sul motivo per cui qualcuno dovrebbe affermare di poter ascoltare, contattare o conversare con persone che sono morte.

Lo scetticismo è spesso la risposta semplice, a parte il fatto che queste esperienze sono notoriamente difficili da confutare, oltre che da provare. Uno studio recente ha rivelato che 12 medium autoproclamati disposti a essere messi alla prova si sono comportati peggio del gruppo di controllo nei tentativi di contattare i morti.

Tuttavia, gli scienziati della Durham University hanno voluto esplorare il motivo per cui alcune persone con queste esperienze uditive hanno maggiori probabilità di abbracciare credenze spiritualistiche e di essere coinvolte nella cosiddetta pratica di “ascolto” dei morti, mentre altri che trovano l’esperienza angosciante potrebbero riceverne una diagnosi di salute mentale.

Gli spiritisti tendono a segnalare esperienze uditive insolite che sono positive, iniziano precocemente e che spesso sono in grado di controllare. Capire come si sviluppano è importante perché può aiutarci a capire di più sulle esperienze dolorose o incontrollabili dell’udito delle voci“, ha spiegato Peter Moseley della Northumbria University.

 

Lo studio

Gli scienziati hanno reclutato 65 membri della National Spiritist Union del Regno Unito e 143 membri del pubblico che regolarmente non pretendono di ascoltare le voci dei morti per condurre la più grande indagine scientifica sull’esperienza dei medium chiaroveggenti.

Il team ha raccolto descrizioni dettagliate dai medium su come vivono queste “voci” e ha confrontato i livelli di assorbimento, propensione alle allucinazioni, aspetti della loro identità e credenza nel paranormale.

Gli scienziati hanno scoperto che, degli spiritualisti autoproclamati, il 44,6% ha affermato di sentire voci di spiriti ogni giorno e, sebbene queste voci fossero ascoltate principalmente nella propria testa (65,1%), il 31,7% ha riferito di aver sentito voci di spiriti che entrano ed escono dal testa.

In confronto al gruppo di controllo, gli spiritualisti erano più propensi a riferire una credenza nel paranormale e meno propensi a preoccuparsi di ciò che la gente pensava di loro.

La maggior parte ha avuto la prima esperienza nel sentire voci quando erano giovani, con un’età media di 21,7 anni. I medium hanno anche riportato un più alto livello di assorbimento, un termine usato per descrivere la totale immersione nei compiti mentali e quanto si è efficaci nel disconnettersi dal mondo “esterno”. Inoltre, erano più inclini a “esperienze uditive insolite, simili alle allucinazioni“.

Per la popolazione generale, un maggiore assorbimento era associato alla credenza nel paranormale, ma non c’era alcun legame tra questa convinzione e la tendenza alle allucinazioni.

Questi risultati suggeriscono che affermare di sentire le voci degli spiriti dei defunti è improbabile che sia associato ad una suggestione dovuta alla fede nel paranormale. Invece, le persone che abbracciano lo spiritualismo hanno maggiori probabilità di essere predisposte all’assorbimento e ad avere esperienze uditive insolite da giovani. Le convinzioni dello spiritualismo sono in linea con l’esperienza.

I nostri risultati dicono molto sull’apprendimento e sul desiderio. Per i nostri partecipanti, i principi dello spiritismo sembrano dare un senso alle straordinarie esperienze dell’infanzia, così come ai frequenti fenomeni uditivi che sperimentano come medium“, ha detto Adam Powell, del progetto Hearing the Voice alla Durham University. “Ma tutte queste esperienze possono derivare più dall’avere certe tendenze o abilità iniziali che semplicemente credere nella possibilità di contattare i morti se ci sforziamo abbastanza“, ha aggiunto.

Secondo i ricercatori, questi risultati sono di grande valore per comprendere le allucinazioni uditive, a volte traumatiche, che possono accompagnare problemi di salute mentale.

Questo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Mental Health: Religion and Culture.

Photo by Ralph (Ravi) Kayden on Unsplash