Covid-19 software vaccino

Il CDC ha ordinato il software che doveva gestire il lancio del vaccino. Invece, è stato afflitto da problemi e abbandonato dalla maggior parte degli stati. A meno che non siamo in uno dei pochi stati che lo utilizzano, potremmo non aver sentito parlare di VAMS. Tuttavia doveva essere uno sportello unico in cui datori di lavoro, funzionari statali, cliniche e individui potevano gestire la pianificazione, l’inventario e il reporting per i vaccini Covid-19.

Invece qualcosa di questo software non è andato bene ed è stato abbandonato da quasi tutti gli stati che lo avevano utilizzato. Il sistema ha gravemente danneggiato i loro sforzi di immunizzazione fino ad ora. Di fronte a una serie di problemi e bug, diversi stati, tra cui la Carolina del Sud, si sta scegliendo di hackerare insieme le proprie soluzioni o di pagare invece per sistemi privati.

 

Covid-19, il software ha rallentato la diffusione di vaccini

Gli operatori delle cliniche in Connecticut, Virginia e altri stati affermano che il sistema è noto per gli appuntamenti cancellati in modo casuale, la registrazione inaffidabile e i problemi che bloccano il personale fuori dal cruscotto che dovrebbero utilizzare per registrare i record. Il CDC riconosce che ci sono più difetti che sta cercando di risolvere, sebbene attribuisca alcuni dei problemi all’errore dell’utente.

VAMS aveva lo scopo di soddisfare un bisogno che gli stati e le giurisdizioni non potevano fare a soli. Era chiaro che si aveva bisogno di un modo per gestire queste cliniche, per programmare le persone per fare i vaccini e prendere la seconda dose. Così all’inizio della pandemia, il CDC ha delineato la necessità di un sistema in grado di gestire una campagna di vaccinazione di massa, una volta approvati i colpi. Voleva semplificare l’intera operazione: iscrizioni, pianificazione, monitoraggio dell’inventario e rapporti sulle vaccinazioni.

 

Un sistema efficace andato male

L’incarico dato alla società di consulenza Deloitte, un enorme appaltatore federale, con un contratto senza offerta di 16 milioni di dollari per gestire la distribuzione del vaccino covid-19 e il monitoraggio dell’amministrazione. A dicembre, Deloitte ha ottenuto altri 28 milioni di dollari per il progetto, ancora una volta senza concorrenza. Il contratto specifica che il premio potrebbe arrivare fino a 32 milioni di dollari.

Molti stati scelgono di pagare altri fornitori piuttosto che utilizzare VAMS gratuitamente. Altri non stanno facendo praticamente nulla, lasciando la pianificazione ai dipartimenti sanitari della contea. È così che si ottiene una situazione come quella in Florida, dove le contee stanno pianificando disperatamente visite cliniche sul sito web Eventbrite, più comunemente usato per concerti e conferenze.

Non è solo questione di persone anziane che non sono abbastanza esperte di tecnologia per navigare nel sito; molti studi medici che hanno tentato di utilizzare il software hanno quasi rinunciato. Courtney Rowe del Connecticut Children’s Medical Center ha dichiarato di essere diventata di fatto supporto tecnico per molti pazienti che cercavano di fissare appuntamenti.

Foto di Pete Linforth da Pixabay