Antartico minerale marziano
Foto di Angie Agostino da Pixabay

Un nuovo studio ha scoperto un minerale marziano comune nelle profondità di un nucleo di ghiaccio dell’Antartide. La scoperta suggerisce che il minerale, una fragile sostanza giallo-marrone nota come jarosite, sia stato forgiato allo stesso modo sia sulla Terra che su Marte: dalla polvere intrappolata all’interno di antichi depositi di ghiaccio. Rivela anche quanto fossero importanti questi ghiacciai sul Pianeta Rosso; non solo hanno scavato valli, dicono i ricercatori, ma hanno anche contribuito a creare la stessa materia di cui è fatto Marte.

Jarosite è stato avvistato per la prima volta su Marte nel 2004, quando il rover Opportunity della NASA ha rotolato su strati a grana fine. La scoperta ha fatto notizia perché la jarosite ha bisogno di acqua per formarsi, insieme a condizioni di ferro, solfato, potassio e acidità. Questi requisiti non sono facilmente soddisfatti su Marte e gli scienziati hanno iniziato a teorizzare come il minerale potesse essere diventato così abbondante.

 

Antartide, nei ghiacciai scoperto un minerale marziano

Alcuni pensavano che potesse essere stato lasciato indietro dall’evaporazione di piccole quantità di acqua salata e acida. Tuttavia le rocce basaltiche alcaline nella crosta di Marte avrebbero neutralizzato l’umidità acida. Un’altra idea era che il jarosite fosse nato all’interno di enormi depositi di ghiaccio che avrebbero potuto ricoprire il pianeta miliardi di anni fa. Man mano che le lastre di ghiaccio crescevano nel tempo, la polvere si sarebbe accumulata all’interno del ghiaccio e potrebbe essersi trasformata in jarosite. Il processo non era mai stato osservato da nessuna parte nel Sistema Solare.

Sulla Terra, il jarosite può essere trovato in pile di rifiuti minerari che sono stati esposti all’aria e alla pioggia, ma non è comune. Nessuno si aspettava di trovarlo in Antartide. Invece il team stava cercando minerali che potessero indicare i cicli dell’era glaciale all’interno degli strati di un nucleo di ghiaccio lungo 1620 metri, che registrano migliaia di anni di storia della Terra. Tuttavia nel ghiaccio più profondo del nucleo, si è imbattuto in strane particelle di polvere che pensava potessero essere jarosite.

 

Molta più polvere su Marte che in Antartide

Per confermare l’identità del minerale, i ricercatori hanno misurato il modo in cui ha assorbito i raggi X. Hanno anche esaminato i grani sotto potenti microscopi elettronici, confermando che era jarosite. Le particelle erano anche notevolmente incrinate e prive di spigoli vivi, segno che si erano formate ed erose da attacchi chimici nelle sacche all’interno del ghiaccio.

Il lavoro suggerisce che il jarosite si forma allo stesso modo su Marte. Il team ammette che il nucleo di ghiaccio conteneva solo piccole quantità di jarosite, particelle più piccole di un ciglio o di un granello di sabbia. Ciò spiega che c’è molta più polvere su Marte che in Antartide, che riceve solo piccole quantità di cenere e sporcizia aerodisperse dai continenti settentrionali.

I ricercatori vogliono utilizzare i nuclei antartici per indagare se gli antichi depositi di ghiaccio marziano fossero calderoni per la formazione di altri minerali. Il jarosite mostra come i ghiacciai non fossero solo macchine per intagliare la terra, ma potrebbero aver contribuito alla composizione chimica di Marte. Questo è solo il primo passo per collegare il profondo ghiaccio antartico con l’ambiente marziano.

Foto di Angie Agostino da Pixabay