Alzheimer previsione linguaggio

Un nuovo studio ha affermato che è possibile capire se qualcuno ha l’Alzheimer analizzando gli schemi di scrittura. Le persone con un’ampia varietà di malattie neurologiche hanno schemi linguistici distintivi che possono servire come segnali di allarme precoce delle loro malattie. I ricercatori hanno esaminato l’uso delle parole dei soggetti con un programma di intelligenza artificiale che ha cercato sottili differenze nel linguaggio.

Ha identificato un gruppo di soggetti che erano più ripetitivi nell’uso delle parole in quel periodo precedente in cui erano tutti cognitivamente normali. Questi soggetti hanno anche commesso errori, come l’ortografia errata delle parole o l’uso improprio delle lettere maiuscole, e hanno utilizzato il linguaggio telegrafico, ovvero un linguaggio che ha una struttura grammaticale semplice e manca di soggetti e parole come “il”, “è” e “sono”.

 

Alzheimer, i cambiamenti del linguaggio possono prevenire il morbo

Per lo studio sull’Alzheimer, i ricercatori hanno esaminato un gruppo di 80 uomini e donne sui 80 anni: metà aveva l’Alzheimer e gli altri no. Tuttavia, sette anni e mezzo prima, tutto era cognitivamente normale. Gli uomini e le donne hanno partecipato al Framingham Heart Study, uno sforzo di ricerca federale di lunga durata che richiede regolari test fisici e cognitivi.

I membri di quel gruppo si sono rivelati le persone che hanno sviluppato la malattia di Alzheimer. Il programma AI prevedeva, con una precisione del 75%, chi avrebbe contratto la malattia di Alzheimer, secondo i risultati. I ricercatori dell’Alzheimer erano incuriositi, dicendo che quando ci sono modi per rallentare o fermare la malattia sarà importante avere semplici test che possano avvertire, sin dall’inizio, che senza intervento una persona svilupperà il progressivo malattia del cervello.

Per anni, i ricercatori hanno analizzato i cambiamenti del linguaggio e della voce nelle persone che hanno sintomi di malattie neurologiche, ma questo è il primo rapporto che ha preso persone che sono completamente normali e previsto con una certa precisione che avrebbero avuto problemi anni dopo. La speranza è di estendere il lavoro dell’Alzheimer per trovare sottili cambiamenti nell’uso della lingua da parte di persone senza sintomi evidenti ma che svilupperanno altre malattie neurologiche.

Ogni malattia neurologica produce cambiamenti unici nel linguaggio, che probabilmente si verificano molto prima del momento della diagnosi, ha affermato il dottor Murray Grossman, professore di neurologia presso l’Università della Pennsylvania. Ha studiato il linguaggio in pazienti con una forma comportamentale di demenza frontotemporale, un disturbo causato dalla progressiva perdita di nervi nei lobi frontali del cervello. Questi pazienti mostrano apatia e calo di giudizio, autocontrollo ed empatia che si sono dimostrati difficili da quantificare oggettivamente.

 

Collegamenti nelle parti frontotemporali del cervello

All’inizio del decorso di quella malattia, ci sono cambiamenti nel ritmo del discorso dei pazienti, con pause distribuite apparentemente a caso. Anche l’uso delle parole cambia: i pazienti usano meno parole astratte. Queste alterazioni sono direttamente collegate ai cambiamenti nelle parti frontotemporali del cervello. Anche il dottor Adam Boxer sta studiando la demenza frontotemporale.

Il suo strumento è un’app per smartphone. I suoi soggetti sono persone sane che hanno ereditato una predisposizione genetica a sviluppare la malattia. Il suo metodo consiste nel mostrare ai soggetti un’immagine e chiedere loro di registrare una descrizione di ciò che vedono. La dottoressa Cheryl Corcoran spera di utilizzare i cambiamenti del linguaggio per prevedere quali adolescenti e giovani adulti ad alto rischio di schizofrenia potrebbero continuare a sviluppare la malattia.

I farmaci per curare la schizofrenia possono aiutare coloro che stanno per sviluppare la malattia, ma la sfida è identificare chi saranno i pazienti. Un quarto delle persone con sintomi occasionali li ha visti andarsene e circa un terzo non è mai progredito verso la schizofrenia sebbene i sintomi occasionali persistessero. il programma di intelligenza artificiale poteva prevedere, con una precisione dell’85%, quali soggetti svilupparono la schizofrenia tre anni dopo.

Non siamo ancora al punto in cui possiamo dire alle persone se sono a rischio o no. C’è bisogno di molti più campioni. Ci sono più di 60 milioni di interviste psichiatriche negli Stati Uniti ogni anno, ma nessuna di queste interviste utilizza gli strumenti sopra citati.

Foto di mohamed Hassan da Pixabay