bitcoin-ukraina-india

L’Ucraina avvia la costruzione del Bitcoin Mining Center (BTC) che utilizzerà l’energia nucleare prodotta nel Paese. La mining farm potrebbe raggiungere una potenza da 2 a 3 gigawatt (GW) ed essere operativa entro agosto 2022. Il tutto mentre l’India starebbe progettando di introdurre una legge per vietare le criptovalute private – come Bitcoin appunto – nel Paese e fornire un quadro per la creazione di una valuta digitale ufficiale durante l’attuale sessione di bilancio del Parlamento. E, ricordiamolo, in un momento particola in cui si registra un Bitcoin Profit decisamente in salita.

 

Estrazione mineraria ed energia nucleare

Dopo una gara d’appalto, il Ministero dell’Energia ucraino ha lanciato ufficialmente la costruzione di una miniera a Rivne, nel nord-ovest del Paese. Le autorità hanno affermato che il centro minerario consentirà di utilizzare l’energia nucleare in eccesso, aumentare i profitti per Energoatom di proprietà statale e aumentare le entrate fiscali del governo.

La dimensione del centro non è chiaramente specificata. Tuttavia, l’azienda potrebbe richiedere inizialmente da 250 a 500 megawatt (MW) di potenza e, quindi, raggiungere un consumo di 3 gigawatt. Per avere un’idea, alcune delle più grandi miniere di Bitcoin della Cina sono alimentate dalla stessa potenza.

Hotmine, il produttore di macchine minerarie, è convinto  che l’Ucraina possa diventare un leader mondiale nel mining di criptovalute attraverso la sua produzione di energia nucleare in eccesso.

 

La questione in India

La Reserve Bank of India ha affermato dal canto suo di voler contenere la barriera del sistema finanziario del Paese, un fenomeno che si verifica quando parte delle attività o dei profitti di una società viene separata finanziariamente senza essere necessariamente gestita come entità separata.

La banca ha inoltre affermato che le criptovalute non possono essere trattate come monete, poiché non sono fatte di metallo, non esistono in forma fisica, né sono state timbrate dal governo. L’avvertimento, risalente al 2018, aveva causato il panico in diverse startup e società locali che offrono servizi per il commercio di criptovalute. Da allora, quasi tutti hanno chiuso i battenti o si sono articolati per servire altri mercati.

Questa proposta è stata contestata da diverse borse e commercianti, che hanno intentato una causa presso la Corte suprema federale. L’anno scorso la più alta corte della nazione si è pronunciata a suo favore. Questa decisione è stata considerata “storica”, ma non ha avuto alcun impatto sulla circolare precedente a livello di policy.

Image by WorldSpectrum from Pixabay