Covid-19, la carenza di vitamina D causa sintomi più gravi?

Molti pensano che una carenza di vitamina D aumenti il rischio di sintomi gravi in caso di Covid-19, ma non è stato dimostrato

vitamina d covid-19

Mascherine, distanziamento sociale e lavaggio delle mani sono stati raccomandati dagli operatori sanitari per prevenire il contagio da Covid-19, ma molte persone hanno anche cercato altre potenziali misure preventive, incluso l’uso di vitamine per cercare di scongiurare il virus. Le vendite di vitamina D sono aumentate del 42% dall’inizio della pandemia, poiché le prime ricerche negli Stati Uniti e in altri paesi sembrano suggerire un possibile legame tra carenza di vitamina D e casi più gravi di coronavirus.

 

Covid-19 e la vitamina D

Il sole è la fonte primaria di vitamina D, ma la dieta e gli integratori possono tutti contribuire ai livelli complessivi nel tuo corpo. Bassi livelli di vitamina D non sono rari nelle persone obese e nei fumatori. Il CDC elenca anche quelle come condizioni sottostanti che aumentano il rischio di gravi complicanze Covid-19. “Non è una sorpresa che i fattori di rischio per una malattia possono essere fattori di rischio per altre malattie”, afferma il Dr Goldberg. Ma avverte che i dati non permettono ancora di dimostrare, o smentire, una relazione di causa ed effetto tra carenza di vitamina D e gravi complicazioni del Covid-19.

Avverte anche che troppa vitamina D può essere pericolosa. “Come se non potessi mettere più benzina nella tua macchina quando riempi il serbatoio”, dice. “Tutto è un delicato equilibrio tra mantenere il tuo corpo in buone condizioni e non esagerare in un modo o nell’altro.”

Foto di S. Hermann & F. Richter da Pixabay