Covid-19 Brasile resistenza vaccino
Foto di Gustavo Fring da Pexels

I medici che lavorano per immunizzare i remoti villaggi indigeni del Brasile contro il Covid-19 hanno incontrato una forte resistenza in alcune comunità in cui i missionari evangelici alimentano i timori del vaccino Covid-19. Gli abitanti del villaggio di Jamamadi hanno invitato operatori sanitari a fare i bagagli con archi e frecce quando hanno visitato la popolazione questo mese.

Non succede in tutti i villaggi, solo in quelli che hanno missionari o cappelle evangeliche dove i pastori stanno convincendo le persone a non ricevere il vaccino Covid-19, che si trasformeranno in un alligatore e altre idee folli. Ciò si è aggiunto ai timori che il Covid-19 potrebbe irrompere tra gli oltre 800.000 indigeni del Brasile, la cui vita in comune e l’assistenza sanitaria spesso precaria li rendono una priorità nel programma di immunizzazione nazionale.

 

Covid-19, resistenza al vaccino per gli indigeni del Brasile

I leader tribali incolpano il presidente di estrema destra del Brasile, Jair Bolsonaro, e alcuni dei suoi accaniti sostenitori nella comunità evangelica per aver alimentato lo scetticismo sui vaccini contro il coronavirus, nonostante un bilancio delle vittime nazionale che è in ritardo. L’Associazione degli antropologi brasiliani ha denunciato gruppi religiosi non specificati in una dichiarazione per aver diffuso false teorie del complotto per sabotare la vaccinazione delle popolazioni indigene. Molti pastori delle mega chiese evangeliche urbane del Brasile stanno esortando i seguaci a farsi vaccinare, ma dicono che i missionari in territori remoti non hanno ben compreso l’obiettivo.

L’agenzia sanitaria indigena del governo, Sesai, ha dichiarato a Reuters in una dichiarazione che stava lavorando per aumentare la consapevolezza dell’importanza dell’immunizzazione contro il Covid-19. Bolsonaro ha minimizzato la gravità del virus e ha rifiutato di prendere lui stesso un vaccino. Ha rivolto una derisione speciale al vaccino più ampiamente disponibile nel paese, prodotto dalla cinese Sinovac Biotech, citando dubbi sulle sue origini.

Il presidente ha ridicolizzato la Pfizer perché ha detto che la società si era rifiutata di assumersi la responsabilità per effetti collaterali nei colloqui con il suo governo. Pfizer ha affermato di aver proposto al governo brasiliano garanzie contrattuali standard che altri paesi hanno accettato prima di utilizzare il suo vaccino. I social media hanno alimentato false voci sui vaccini contro il coronavirus anche negli angoli più remoti del Brasile.

 

Fake news su i rischi del vaccino

Ad esempio, il capo tribù di 56 anni Fernando Katukina, del popolo Nôke Kôi vicino al confine con il Perù, è morto il 1 ° febbraio per arresto cardiaco correlato a diabete e insufficienza cardiaca congestizia. La voce si è diffusa rapidamente sui social media e alla radio che il vaccino Covid-19 che ha ricevuto a gennaio aveva causato la sua morte.

Il centro biomedico Butantan, che produce e distribuisce il vaccino Sinovac, si è affrettato a convincere gli indigeni che non era così. Il Covid-19 ha ucciso almeno 957 indigeni su circa 48.071 infezioni confermate tra la metà dei 300 gruppi etnici nativi del Brasile. I numeri potrebbero essere molto più alti, perché Sesai monitora solo gli indigeni che vivono nelle riserve.

Foto di Gustavo Fring da Pexels