balene crosta oceanica
Foto di Pexels da Pixabay

Nel 2019, Václav Kuna, un sismologo, stava esaminando le registrazioni di dozzine di sismometri sul fondo dell’Oceano Pacifico nord-orientale, quando continuava a trovare strani rumori: cinguettii di un secondo, ripetuti ogni 30 secondi circa. Questa sinfonia si è rivelata essere il canto delle balene.

Il ricercatore allora si è tuffato più a fondo nei dati e ha scoperto che questi richiami di cetacei in forte espansione stavano avendo un impatto sul fondo del mare. Mentre lo facevano, parte della loro energia si trasmetteva attraverso il suolo come onde sismiche, che rimbalzavano intorno alla distesa rocciosa sepolta prima di essere captate dai sismometri del fondo oceanico.

Tempo dopo i ricercatori hanno capito che il canto delle balene può essere usato per scrutare nella crosta oceanica. Usando questa fonte biologica di sismicità, hanno scoperto di poter vedere 8.200 piedi sotto il fondo del mare, attraverso i sedimenti e la roccia vulcanica sottostante. Ci sarebbe meno bisogno di aspettare una fonte tettonica di onde sismiche o di inviare una nave armata di cannoni ad aria compressa in mezzo all’oceano.

 

Il canto delle balene per scrutare nell’interno del pianeta Terra

Le balene comuni – mammiferi acquatici di 60 tonnellate, lunghe 80 piedi – prendono il nome dalla pinna prominente sulla loro schiena. Sono nuotatori veloci che amano mangiare krill, banchi di pesciolini e calamari. E mentre nuotano in gruppo, spettegolano tra loro emettendo suoni a 189 decibel. Di solito, il canto delle balene disturba i sismologi. Come l’elettricità statica su una linea telefonica, crea interferenze che possono offuscare la sismicità del terremoto, richiedendo agli scienziati di filtrarla.

Ma come mostra questo nuovo studio, questo rumore può essere utilizzato per studiare l’interno del pianeta. Sebbene i sismologi stiano attenti a evitare la vita marina, un recente rapporto ha dettagliato quanto siano diventati rumorosi gli oceani negli ultimi anni a causa dell’attività umana. Trovare più modi per utilizzare la sismologia della balena comune potrebbe significare aggiungere un qualcosa in meno alla cacofonia.

 

Tracciare le balene attraverso le onde sonore

Per questo studio, i ricercatori hanno dovuto determinare la posizione delle balene comuni, un po’ come cercare l’epicentro di un terremoto. Hanno esaminato i tempi di arrivo delle onde sonore delle balene dirette direttamente al sismometro e delle onde sonore che rimbalzano tra la superficie del mare e il fondo del mare. La differenza di orario ha rivelato la distanza della balena. Facendo alcune ipotesi ragionevoli sulla tipica profondità di nuoto della balena comune, hanno potuto tracciare i loro viaggi attraverso l’oceano.

Questo documento potrebbe riguardare i benefici sismologici delle balene, ma questo metodo potrebbe rivelarsi utile per gli ecologisti marini. Negli ultimi anni, i sismometri a terra hanno cercato di tracciare gli elefanti e stimare le loro popolazioni. Lo stesso principio potrebbe applicarsi alle balene comuni, agli animali minacciati dai cambiamenti climatici, dalla perdita di habitat e dalla triste eredità della caccia commerciale alle balene. E come quei sismometri che origliano gli elefanti, un giorno l’apprendimento automatico potrebbe ascoltare i canti tipici delle balene e rilevare autonomamente diversi branchi di balene o individui all’interno di quei gruppi.

Foto di Pexels da Pixabay