giappone-terremoto-scossa-assestamento
Ph. credit: Malay Mail

Quasi 24 ore fa il Giappone è stato colpito da una scossa di terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito la costa orientale dell’isola principale. Al momento non sono stati segnalati morti, ma diversi decine di feriti. Quello che ha preoccupato di più all’inizio è stata la centrale nucleare di Fukushima.

Nelle ore successive all’evento le autorità hanno controllato la situazione all’impianto e non sono state trovate anomalie. Come sappiamo, quasi dieci anni fa il Giappone è stato colpito da una scossa di magnitudo 9.0 proprio nella stessa zona che ha causato l’incidente alla suddetta centrale. L’epicentro esatto è a 58 chilometri di profondità.

Le scosse si sono sentite fino a Tokyo e la popolazione si è subito preparata a eventuali altre scosse di assestamento. La parte interessate è che proprio la scossa principale non è risultato altro che una scossa dovuta a quella del 2011. Per fortuna, l’evento è risultato molto più debole.

 

Giappone: la velocità delle autorità

Per fortuna il Giappone è un paese estremamente efficiente e preparato a eventi del genere. Pochissime ore dopo l’evento, sono riusciti a ristabilire la corrente elettrica a quasi un milione di case che si erano ritrovate senza. Al momento sembra che solo i treni ad alta velocità sono bloccati anche perché alcuni pezzi di ferrovia sono interrotti. Attualmente sono occupati a ripulire le strade costiere che sono state colpite da delle frane e anche l’autostrada più importante che collega la regione con Tokyo. Oltre a questo, ci sono notizie di tetti crollati in diversi edifici, ma in generale sono danni contenuti.