scimmia cappuccino longevità cervello
Foto di Domenic Hoffmann da Pixabay

Un team di scienziati, di livello internazionale, ha sequenziato per la prima volta il genoma di una scimmia cappuccino scoprendo indizi sulla loro longevità e sulla grandezza del loro cervello. Queste specie di scimmie possono vivere fino ai 50 anni, un grande traguardo per gli animali, e hanno dei cervelli molto grandi nonostante le loro piccole dimensioni.

Fino a questo studio nessuno si era addentrato nel capire l’evoluzione di questi animali. I ricercatori hanno sviluppato e annotato un insieme di riferimento per le scimmie cappuccine dalla faccia bianca per esplorare l’evoluzione di questi tratti. Grazie ad un approccio di genomica comparativa in un’ampia varietà di mammiferi sono stati identificati geni correlati alla longevità e allo sviluppo del cervello.

 

Scimmie cappuccino, sequenziato il genoma per capire la longevità e il cervello

Hanno trovato firme di selezione positiva sui geni alla base di entrambi i tratti, il che aiuta a capire meglio come si evolvono tali tratti. Inoltre, hanno trovato prove di adattamento genetico alla siccità e agli ambienti stagionali. I ricercatori hanno identificato inoltre i geni associati alla risposta al danno del DNA, al metabolismo, al ciclo cellulare e alla segnalazione dell’insulina.

Si ritiene che il danno al DNA sia un importante contributo all’invecchiamento e studi precedenti hanno dimostrato che i geni coinvolti mostrano modelli di selezione specifici per la longevità nei mammiferi. Poiché i geni legati all’invecchiamento giocano più ruoli, è impossibile essere sicuri se la selezione sia correlata all’invecchiamento, come i tassi di crescita e i tempi di sviluppo, che a loro volta sono correlati alla longevità.

Anche se si dovrebbe essere cauti sul significato biologico delle scoperte, si è tentati di ipotizzare che le modifiche a specifici geni potrebbero contribuire alla longevità dei cappuccini. Le intuizioni sono rese possibili grazie allo sviluppo di una nuova tecnica per isolare il DNA in modo più efficiente dalle feci dei primati. Una tecnica esistente che è stata sviluppata per separare i tipi di cellule nei fluidi corporei e la applica a campioni di feci di primati.

Un importante passo avanti per estrarre il DNA dalle feci risulta in circa il 95-99% del DNA proveniente da microbi intestinali e prodotti alimentari. Per questo motivo, i biologi hanno dovuto fare affidamento su fonti più pure di DNA molto difficili da ottenere dagli animali in via di estinzione. Si fornisce finalmente un modo per sequenziare interi genomi utilizzando campioni prontamente disponibili e non invasivi che potrebbero aiutare i futuri sforzi di conservazione.

Foto di Domenic Hoffmann da Pixabay