Covid-19, come faremo a sapere di aver raggiunto l’immunità di gregge?

L'obiettivo principale nella lotta contro il Covid-19 è raggiungere l'immunità di gregge, ma è un traguardo non affatto semplice

covid-19 immunità di gregge
Foto di Masum Ali da Pixabay

I funzionari sanitari di tutto il mondo stanno correndo per vaccinare un numero sufficiente di persone per fermare la diffusione del Covid-19, ma le tempistiche sono ancora molto lunghe. L’obiettivo è arrivare all’immunità di gregge, ovvero quando un numero sufficiente di persone ha l’immunità, sia dalla vaccinazione che da un’infezione passata, per fermare la diffusione incontrollata.

Ciò significa che un virus non salta più facilmente da persona a persona, aiutando a proteggere coloro che sono ancora vulnerabili a prenderlo. Nessuno sa con certezza quale sia la soglia di immunità per il coronavirus, anche se molti esperti dicono che è del 70% o superiore. E l’emergere di varianti complica ulteriormente il quadro.

 

L’obiettivo dell’immunità di gregge contro il Covid-19

Ma come viene calcolata attualmente la soglia che indica l’immunità di gregge? È una formula basata su quanto è contagioso un virus o su quante persone contraggono il virus in media da una persona infetta. Ma il calcolo offre solo un obiettivo ampio e non tiene conto di vari aspetti. La cifra potrebbe anche variare in base alla regione. La prova che ci stiamo avvicinando all’immunità di gregge sarebbe una “interruzione nella catena di trasmissione”, ha detto Ashley St. John, dottoressa alla Duke-NUS Medical School di Singapore.

Per determinare se allentare le restrizioni, i funzionari sanitari osserveranno le tendenze di infezione e ospedalizzazione mentre le vaccinazioni vengono lanciate. È probabile che tali decisioni inizino molto prima che venga raggiunta la soglia ideale di immunità di gregge.

In India, ad esempio, gli scienziati ritengono che più persone dovranno essere protette nelle città densamente popolate, dove il virus si diffonde più velocemente, rispetto alle sue vaste campagne. L’India, infatti, prevede di cercare anticorpi nelle persone a livello nazionale per capire quale percentuale dei suoi quasi 1,4 miliardi di persone è già stata infettata, ha detto il dottor Jayaprakash Muliyil.