coronavirus
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

L’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che, nonostante alcuni Paesi europei stiano allentando le restrizioni di fronte al calo delle infezioni da coronavirus, le nuove varianti si diffonderanno e, prima o poi, porteranno nuovi blocchi.

 

Le infezioni e i decessi da COVID-19 sono diminuiti in alcuni paesi europei nonostante le varianti

Nonostante i ritardi riportati dai produttori di vaccini COVID-19, i processi di vaccinazione in molti Paesi si sono intensificati. Per il momento, la regola d’oro continua ad essere il distanziamento sociale e l’uso di una mascherina per prevenire l’infezione, mentre i funzionari sanitari avanzano nell’immunizzazione della popolazione.

Dopo diversi mesi di lotta con nuove ondate di infezioni, queste hanno iniziato a diminuire in alcuni Paesi. Ogni settimana vengono confermati più di un milione di casi di COVID-19 distribuiti nei Paesi europei. Tuttavia, il numero di casi totali segnalati è diminuito nelle ultime quattro settimane, così come la mortalità nelle ultime due settimane.

 

Non è il momento di allentare le restrizioni

Ciò potrebbe indurre le autorità ad allentare i blocchi, ma l’emergere e la rapida diffusione di varianti del coronavirus sono segnali molto chiari che questo non è il momento e l’OMS è d’accordo.

Hans Kluge, il direttore dell’OMS per l’Europa, ha affermato che sebbene le infezioni e le morti da COVID-19 siano state ridotte in alcune regioni, non è ancora il momento di tirare un respiro. “Il calo dei casi nasconde un numero crescente di focolai e la diffusione nella comunità che coinvolge varianti di preoccupazione“, ha detto in una recente dichiarazione.

 

L’OMS raccomanda vaccinazioni e blocchi per prevenire il progresso delle varianti del coronavirus

Nonostante ciò, la situazione mondiale rimane critica. Questo è il motivo per cui Paesi come la Germania e l’Irlanda hanno preferito mantenere le proprie restrizioni mentre distribuiscono i vaccini corrispondenti.

Ma la distribuzione del vaccino è stata molto disomogenea nella maggior parte del mondo. Finora, più di 155,7 milioni di persone sono state vaccinate in almeno 91 Paesi, ma la trasmissione complessiva non è stata ancora ridotta. Ecco perché Kluge ha ribadito l’importanza di enfatizzare la sua giusta ed equa distribuzione, assicurando anche l’immunizzazione nei Paesi più poveri. “L’accesso ingiusto ai vaccini può essere controproducente“, ha detto durante il suo discorso. “Più a lungo il virus persiste, maggiore è il rischio di mutazioni pericolose“.

Detto questo, la situazione è ancora lontana dal cambiare e ci vorrà molto più tempo per risolverla se i Paesi non seguiranno la raccomandazione dell’OMS di continuare con i blocchi di fronte alla minaccia delle varianti del coronavirus.