meteorite dinosauri cometa
Foto di 12222786 da Pixabay

Circa 66 milioni di anni fa, un meteorite largo più di 6 miglia si è scontrato con la Terra, colpendo la zona che ora fa parte del Messico. L’impatto ha scatenato incendi che si sono estesi per centinaia di miglia, innescato uno tsunami alto un miglio e rilasciato miliardi di tonnellate di zolfo nell’atmosfera. Quella foschia gassosa ha bloccato il sole, raffreddando la Terra e condannando all’estinzione i dinosauri, insieme al 75% di tutta la vita sul pianeta.

Ma le origini di quella roccia che uccise i dinosauri, chiamata Chicxulub, sono rimaste un mistero. La maggior parte delle teorie suggerisce che Chicxulub fosse un enorme asteroide; centinaia di migliaia di queste rocce si trovano in un anello a forma di ciambella tra Marte e Giove. Ma in un nuovo studio, due astrofisici di Harvard hanno suggerito un’idea alternativa: che Chicxulub non fosse affatto un asteroide, ma un frammento di scheggia di una cometa ghiacciata che era stata spinta troppo vicino al sole dalla gravità di Giove.

Gli asteroidi e le comete sono entrambi classificati come rocce spaziali dalla NASA, ma differiscono in modo fondamentale: le comete si formano dal ghiaccio e dalla polvere al di fuori del nostro sistema solare e sono generalmente piccole e in rapido movimento, mentre gli asteroidi rocciosi sono più grandi, più lenti e si formano più vicini a il Sole. La maggior parte degli asteroidi proviene dalla fascia degli asteroidi tra i pianeti interno ed esterno del sistema solare. Ma gli scienziati della NASA che tengono d’occhio gli oggetti spaziali che passano vicino alla Terra devono ancora capire da dove provenga Chicxulub.

 

Le origini del frammento di cometa

Nel nuovo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, Loeb e il suo coautore, Amir Siraj, suggeriscono che Chicxulub non provenisse dalla cintura degli asteroidi. Piuttosto, dicono che più probabilmente ha avuto origine al di fuori del nostro sistema solare, in un’area chiamata nube di Oort .

Pensa alla nube di Oort come ad un anello composto da 1 trilione di pezzi di detriti ghiacciati, che si trova oltre i confini più remoti del sistema solare, che lo circonda. Si trova almeno 2.000 volte più lontano dal sole rispetto alla Terra. Le comete che hanno origine nella nube di Oort sono note come comete di lungo periodo perché impiegano così tanto tempo per completare un’orbita attorno al sole. Ma queste comete a volte possono essere trascinate fuori rotta dalla gravità di pianeti massicci come Giove. Una tale modifica all’orbita di una cometa potrebbe farla precipitare su un percorso molto più vicino al sole.

Le comete che si avvicinano al sole sono chiamate “sungrazers”. Il nuovo studio ha calcolato che circa il 20% delle comete della nube di Oort sono sungrazer. Mentre si avvicinano alla nostra stella, la sua gravità inizia a separarli. Frammenti di cometa si staccano e possono precipitare verso pianeti vicini. Siraj e Loeb non sono gli unici scienziati che pensano che una cometa, non un asteroide, abbia condannato i dinosauri. Un gruppo di ricercatori del Dartmouth College ha anche suggerito nel 2013 che una cometa ad alta velocità avrebbe potuto creare il cratere Chicxulub.

 

Un dibattito scientifico sulla nuova teoria

Tuttavia non tutti i ricercatori sono convinti che una cometa abbia causato quella distruzione. Alcuni pensano che i frammenti di comete di un sungrazer sarebbero stati troppo piccoli per creare il cratere Chicxulub. Dunque il nuovo studio sovrastimerebbe la frequenza dei sungrazer e, di conseguenza, la quantità di frammenti che queste comete producono.

Siraj e Loeb, tuttavia, hanno affermato che la loro teoria è supportata da un tipo di materiale trovato nelle profondità del cratere Chicxulub e di altri crateri in Sud Africa e Kazakistan. Quella sostanza, la condrite carboniosa, potrebbe provenire dalle comete. Mentre solo il 10% degli asteroidi della fascia degli asteroidi è composto da condriti carboniose, il materiale “potrebbe essere potenzialmente diffuso nelle comete”, hanno scritto gli autori dello studio.

Trovare la risposta corretta nel dibattito su Chicxulub è utile perché potrebbe aiutare i ricercatori a capire la probabilità di un evento di impatto simile in futuro. Secondo uno studio, solo due o tre comete della nube di Oort hanno colpito la Terra negli ultimi 500 milioni di anni. Al contrario, secondo la Planetary Society, un asteroide delle dimensioni di Chicxulub impatta sulla Terra ogni 100 milioni di anni circa.

Foto di 12222786 da Pixabay