tè verde vita
Foto di Tranmautritam da Pexels

Come già sappiamo il tè verde ha dei benefici sul nostro organismo. Poiché sempre più ricercatori esaminano i benefici ci sono sempre più prove che bere tè verde ogni giorno potrebbe aiutare a vivere più a lungo. Un recente studio ha esaminato se bere troppa quantità di tè può portare benefici o effetti collaterali.

Molti altri studi dimostrano che bere tra le cinque e le dieci tazze al giorno, può effettivamente ridurre il rischio di una serie di malattie. Contiene la più alta percentuale di principi antiossidanti che si trova in natura, utili per contrastare la formazione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. I polifenoli presenti sono anti-radicali, più potenti persino della vitamina C ed E. C’è la possibilità che bere troppo tè verde possa causare alcuni degli effetti negativi associati a un’eccessiva assunzione di caffeina.

C’è anche il rischio che bere tè verde in grandi quantità possa portare a un ridotto assorbimento di ferro e anemia. Tuttavia, limitare il consumo giornaliero tra tre e cinque tazze sembra essere una quantità ottimale. Scopriamo insieme cosa comporta bere troppo o poco tè verde al nostro organismo.

 

Sconfiggere i superbatteri

Con l’invenzione degli antibiotici, gli esseri umani hanno trovato un modo per aiutare il nostro corpo a superare malattie un tempo mortali. Tuttavia molti antibiotici non sono più efficaci come una volta, poiché batteri, parassiti e virus hanno iniziato a sviluppare resistenza nei loro confronti. Questi ceppi sono conosciuti come superbatteri. Ciò non significa che non ci sia speranza per le pillole antibiotiche che ti sono state prescritte. La ricerca pubblicata in uno studio ha rivelato che bere tè verde durante l’assunzione di antibiotici ha migliorato significativamente le proprietà di uccisione dei batteri degli antibiotici.

 

Prevenire infarti ed ictus

Coloro che bevevano più di cinque tazze di tè verde al giorno avevano un rischio inferiore del 26% di morte per infarto o ictus. Inoltre, le ultime ricerche rivelano che se abbiamo già avuto un infarto o un ictus, il consumo regolare di tè verde è associato a un ridotto rischio di morte.

I sopravvissuti all’ictus che hanno bevuto il tè verde avevano il 62% in meno di probabilità di morire durante il periodo di studio e i sopravvissuti all’infarto hanno ridotto il rischio del 53%. Un composto nel tè verde può rompere l’accumulo di placche potenzialmente pericolose nei vasi sanguigni, il che a sua volta riduce il rischio di infarto o ictus.

 

Aiutare a combattere le malattie autoimmuni

Un particolare composto nel tè verde chiamato EGCG può aiutare il nostro corpo a combattere le malattie autoimmuni. Quando qualcuno ha una malattia autoimmune, la risposta immunitaria del corpo va storta e si attacca. Come sottolineano i ricercatori ci sono alcune cellule nel corpo che esistono per controllare questo tipo di risposta, chiamate cellule T regolatorie. L’EGCG ha il potenziale per aumentare il numero di cellule T regolatorie del corpo. Sebbene la ricerca iniziale sia stata condotta sui topi, questa è una notizia promettente in termini di possibile capacità del tè verde di proteggere dalle malattie autoimmuni.

 

Ridurre il rischio di morte per diabete

Bere quattro o più tazze di tè verde al giorno riduce il rischio di morire per qualsiasi causa nelle persone con diabete di tipo 2. Le persone con questa malattia sono più inclini a una serie di gravi condizioni di salute, come malattie circolatorie, demenza, cancro e fratture ossee. Lo studio ha rilevato che i partecipanti che bevevano una combinazione di tè verde e caffè avevano fattori di rischio di morte significativamente inferiori, con il rischio più basso tra coloro che bevevano quattro o più tazze di tè verde e due o più tazze di caffè al giorno. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere queste associazioni. Bere tè verde può persino aiutare a prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2.

 

Prevenire il cancro

Il tè verde può proteggere dalla prostata e dal cancro al seno. Inoltre, bere il tè verde potrebbe aumentare i livelli di una proteina antitumorale naturale nota come p53. Un nuovo studio ha recentemente scoperto un’interazione tra il composto EGCG nel tè verde e la proteina p53, che uno dei ricercatori ha definito probabilmente la proteina più importante nel cancro umano.

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per confermare le proprietà anti-cancro del tè verde al di fuori del laboratorio, i ricercatori hanno notato che i composti del tè verde combinati con altri trattamenti, come chemioterapia, radioterapia, terapia immunitaria e terapia molecolare mirata sono attesi avere qualche beneficio clinico nei pazienti con cancro.

 

Aumenta le aspettative di vita

I bevitori abituali di tè verde generalmente tendono a vivere più a lungo rispetto alle persone che non lo bevono. In uno studio condotto su oltre 100.000 partecipanti cinesi, chi beveva tè verde almeno tre volte a settimana viveva in media 15 mesi in più rispetto a chi non beveva tè verde. Questi dati tracciano solo associazioni osservative tra il consumo di tè verde e una vita più lunga, piuttosto che trovarla come causa diretta.

Gli scienziati stanno ancora cercando di capire i meccanismi con cui il tè verde potrebbe aumentare la durata della vita di qualcuno. E potrebbero esserci altre ragioni nascoste per cui i bevitori di tè verde vivono più a lungo: chi beve tè verde potrebbe anche fare scelte di vita più sane in generale.

Foto di Tranmautritam da Pexels