coca-cola-covid-19
Photo by Bethan Abra on Unsplash

Una sola lattina di Coca-Cola potrebbe facilmente contenere tutte le particelle del coronavirus SARS-CoV-2 attualmente in circolazione al mondo. La strana affermazione arriva da un matematico britannico dell’Università di Bath, Christian Yates, a cui è stato chiesto di calcolare il volume totale dell’agente patogeno per il programma More or Less della BBC Radio 4.

 

Stime per calcolare la quantità di coronavirus nel mondo

Per questo arduo e curioso lavoro, il matematico ha riconosciuto di aver lavorato sulla base di stime, poiché alla fine è molto difficile sapere con certezza quante particelle del coronavirus sono presenti sul nostro pianeta.

Prima di tutto, anche in questa fase, molti Paesi non dispongono di test sufficienti per diagnosticare la propria popolazione. Allo stesso modo, molte persone preferiscono non fare il test, per paura di discriminazioni o per semplice paura del personale sanitari. E, se positivi, saranno sicuramente contagiosi per altri individui che potrebbero ripetere questo schema. In breve, non siamo nemmeno certi del numero effettivo di infezioni in molti Paesi!

Quindi, ha ipotizzato che gli esseri umani siano il serbatoio più importante per il coronavirus, omettendo gli animali e ha utilizzato le statistiche del sito Web Our World in Data per i suoi calcoli. Da lì, ha scoperto che mezzo milione di persone risultano positive al COVID-19 ogni giorno. Mentre le stime dell’Institute for Health Metrics and Assessments hanno stimato che il numero effettivo di infezioni umane giornaliere in tutto il mondo supera i 3 milioni.

Ma come potrebbero tutte le particelle di coronavirus entrare in una lattina di Coca-Cola?

 

Tra 1 miliardo e 100 miliardi di particelle virali

Ora, la carica virale di ogni persona infetta dipende da quanto tempo è ammalata, come molti sanno. Si ritiene che la carica virale del COVID-19 aumenti dopo che si è verificata l’infezione e raggiunga il picco circa sei giorni dopo l’infezione. Poi iniziano a diminuire costantemente.

Ha anche stimato che, di tutte le persone infette ora, quelle che sono state infettate ieri avrebbero contribuito poco al conteggio totale, mentre quelle che sono state infettate un paio di giorni prima avrebbero avuto un contributo significativo.

Per quanto riguarda il numero di particelle di virus che ogni persona infetta trasporta, è ancora più difficile da sapere. Ma uno studio non pubblicato ha fatto una stima che Yates ha trovato utile: i picchi di carica virale variano da 1 miliardo a 100 miliardi di particelle virali.

Utilizzando tutte queste stime, ha sommato tutti i contributi alla carica virale di ciascuno dei 3 milioni di persone infettate dal coronavirus e ha concluso che sarebbe sufficiente una lattina di Coca-Cola per contenerlo.

 

Il volume di tutto il coronavirus del mondo sta in una lattina di Coca-Cola

Abbiamo scoperto che ci sono circa duecento quadrilioni (2 × 10¹⁷ o duecento milioni di trilioni) di particelle virali nel mondo in qualsiasi momento“, ha scritto nel suo articolo in The Conversation.

La quantità è estremamente grande, ma quando si stima il volume bisogna anche tenere conto che non si tratta di cotone, ma di particelle estremamente piccole, tanto da non poterle vedere ad occhio nudo. Per avere un’idea, il raggio del SARS-CoV-2 è circa 1.000 volte più sottile di un capello umano. Dopo aver applicato la classica equazione di calcolo del volume, il risultato del volume del coronavirus era di 523.000 nanometri³, che è stato moltiplicato per il gran numero di particelle precedentemente calcolato. Ha così ottenuto un volume totale di coronavirus nel mondo di 120 millilitri, che starebbe in una lattina di Coca-Cola.