dipinti etruschi restauro
Immagine di Vincenzo Palleschi da Live Science

Gli scienziati che utilizzano una nuova tecnica hanno scoperto le scene colorate e un tempo nascoste nei dipinti degli antichi Etruschi, un gruppo di persone che fiorì sulla penisola italiana circa 2.500 anni fa, prima che Roma diventasse potente. Ad esempio, hanno trovato nuovi dettagli in un dipinto della “Tomba della Scimmia” e scene di un mondo sotterraneo in un’altra opera d’arte.

Gli Etruschi hanno creato dipinti dettagliati, ma il passare del tempo ha fatto sì che molti di essi siano ora solo in parte visibili e che gran parte del loro colore sia andato perso. Il fatto che alcuni colori sopravvivano al passare del tempo meglio di altri può dare una visione distorta di come apparivano i dipinti antichi al momento in cui sono stati realizzati. Ad esempio, alcune tonalità di verde tendono a non sopravvivere bene, mentre il rosso spesso non viene alterato.

 

Restaurare dipinti antichi

Per restaurare i dipinti, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica chiamata estrazione iperspettrale multi-illuminazione (MHX). La tecnica prevede l’acquisizione di dozzine di immagini nelle bande di luce visibile, infrarossa e ultravioletta e l’elaborazione mediante algoritmi statistici sviluppati dal Consiglio Nazionale delle Ricerche d’Italia a Pisa. Così ha spiegato Vincenzo Palleschi, ricercatore senior presso il Consiglio delle Ricerche.

La tecnica può rilevare il blu egiziano, un colore sviluppato nell’antico Egitto che “ha una risposta molto specifica in una singola banda spettrale”, ha detto Palleschi. Il team ha anche analizzato i resti residui di altri colori rimanenti per aiutare a determinare quali colori fossero nel dipinto. Combinando l’MHX e le analisi del colore, il team ha rivelato scene scomparse da antichi dipinti etruschi. I ricercatori hanno svelato diversi esempi durante la presentazione, inclusi dettagli di dipinti raffiguranti il ​​mondo sotterraneo etrusco che mostrano rocce, alberi e acqua.

A Poggio Renzo nella Tomba della Scimmia, così chiamata perché un dipinto nella tomba mostra una scimmia su un albero, i ricercatori hanno scoperto i dettagli di un dipinto raffigurante una persona. Ad occhio nudo, il dipinto sembra una sfocatura rossa, ma dopo che l’MHX e le analisi del colore sono state completate, il dipinto mostrava chiaramente una persona che trasportava un oggetto oltre a evidenti dettagli dei capelli e del viso. La tomba è stata scoperta nel XIX secolo, ma ora con la nuova tecnologia il dipinto è diventato molto più visibile. La ricerca del team è in corso e in futuro potrebbero essere restaurati altri dipinti.

Immagine di Vincenzo Palleschi da Live Science