strati della Terra
Foto di ZmeScience

Per molto tempo gli scienziati hanno considerato l’idea che gli strati della Terra siano quattro un principio fondamentale della geologia, insegnato agli studenti di tutto il mondo. Effettivamente, il nostro pianeta ha una struttura simile a quella di una cipolla: il primo strato è la crosta, sulla quale viviamo, che contiene acqua, terra e vari strati di roccia. Il secondo è il mantello, lo strato più spesso, che costituisce il 67% della massa della Terra; il terzo è il nucleo esterno liquido, composto principalmente da ferro e nichel. Infine c’è un nucleo interno, che si crede sia solido e composto principalmente da una lega ferro-nichel.

 

Gli strati della Terra potrebbero essere cinque

Gli scienziati erano certi che questi quattro strati comprendessero le viscere del nostro pianeta. Ma questa certezza sembra essere improvvisamente in discussione grazie a un nuovo studio, che fornisce la prova che il nucleo interno della Terra può avere in realtà due strati distinti. Il documento descrive come i ricercatori della Australian National University abbiano analizzato migliaia di modelli del nucleo interno della Terra mediante uno speciale algoritmo di ricerca.

Il loro obiettivo era studiare il tempo che le onde sismiche impiegano per spostarsi attraverso il pianeta, basandosi su decenni di dati compilati dall’International Seismological Centre. In questo modo, essi potrebbero acquisire maggiori conoscenze sull’anisotropia del nucleo interno, ossia sul modo in cui le differenze nella composizione di una data sostanza alterano le proprietà delle onde sismiche.

Durante il processo, gli studiosi hanno scoperto che, anche se non c’è una grande variazione nella profondità del nucleo interno, le onde sismiche più lente cambiano con un angolo di 54 gradi e quelle più veloci corrono parallele all’asse di rotazione della Terra. Joanne Stephenson, autrice principale dello studio, spiega che il team ha trovato delle prove che possono indicare un cambiamento nella struttura del ferro, il che suggerisce la possibilità di due eventi di raffreddamento separati nella storia della Terra.

La scienziata aggiunge che lo studio conferma un cambiamento a circa 650 km nel nucleo interno, il che aggiunge un altro pezzo al puzzle. Ciò che rende unico questo studio è la decisione con cui affronta l’incertezza e i metodi che il team ha usato: gli studiosi volevano assicurarsi di aver effettivamente visto nel nucleo interno un cambiamento e non semplice rumore di fondo.