bologna teschio mistero
Ph. Credit: PLOS One

Nel 2015 un indizio isolato ha scatenato un macabro mistero messo in moto già migliaia di anni fa. Questo antico puzzle consisteva in un solo pezzo: un cranio umano solitario, scoperto senza altri resti scheletrici all’interno di una grotta a Bologna, in Italia, al centro della riserva naturale conosciuta come Dolina dell’Inferno.

Il cranio ben nascosto, privo della sua mascella inferiore, poteva essere raggiunto solo attraversando un difficile passaggio in una grotta nominata Meandro della cattiveria, e salendo un pozzo verticale fino a un’altezza di 12 metri, dove il cranio poggiava su una sporgenza rocciosa. A causa della difficoltà di accesso, gli speleologi non sono stati in grado di recuperare il cranio fino al 2017, momento in cui i ricercatori hanno avuto la possibilità di studiare questo misterioso e antico esemplare.

Il cranio solitario si è rivelato davvero antico, con la datazione al radiocarbonio che suggerisce che il cranio apparteneva a un individuo che visse tra il 3630 e il 3380 a.C., collocandolo nel contesto archeologico del primo periodo Eneolitico della regione.
Altri resti umani eneolitici sono stati trovati nell’area; non nella voragine dell’inferno, ma in un rifugio roccioso a circa 600 metri dalla grotta in cui è stato trovato il teschio.

 

L’identità del misterioso teschio

Quindi, il contesto più ampio ha un senso. Ma come ha fatto esattamente questo teschio solitario ad allontanarsi così lontano dalle sue controparti Eneolitiche, posizionato in alto su una sporgenza, ma sepolto all’interno di una grotta e nascosto a una profondità di 26 metri sotto terra? Secondo l’antropologa Maria Giovanna Belcastro dell’Università di Bologna – prima autrice di una nuova analisi sull’insolito destino del cranio – erano in gioco una serie di fattori.

Il team di Belcastro ha studiato il cranio, che secondo il team molto probabilmente proveniva da una giovane donna, di età compresa tra i 24 ei 35 anni. Le prove di varie lesioni ai lati del cranio sono probabilmente il risultato di manipolazioni umane del cranio al momento della morte della donna, suggeriscono i ricercatori, forse riflettendo atti ritualistici per rimuovere la carne dal cranio, come parte di un’usanza funebre. Altre lesioni sul cranio, alcune ritenute antemortem (prima della morte), potrebbero essere state dovute a una ferita che ha ucciso la donna, e altri segni potrebbero essere la prova di una sorta di trattamento medico fornito dal suo popolo.

 

Il mistero del teschio nella grotta svelato

Per quanto riguarda il modo in cui il cranio si è allontanato dal resto del suo scheletro, i ricercatori ipotizzano che il cranio possa essere stato rimosso intenzionalmente o accidentalmente dal resto del corpo, prima di rotolare o essere spinto lungo il terreno da flussi di acqua o fango, fino a quando in qualche modo è arrivato al limite della voragine, cadendo infine nella dolina. Nel tempo, le infiltrazioni d’acqua nella dolina potrebbero aver sciolto i depositi di gesso all’interno della grotta, creando il pozzo verticale accanto al luogo di riposo del cranio.

Vari sedimenti depositati all’interno della cavità cranica offrono un certo supporto a questo argomento, suggerendo che la materia si è bloccata all’interno del cranio durante il flusso di acqua o detriti, mentre il cranio compiva il suo improbabile e caotico viaggio nella grotta. Segni di altri traumi al cranio suggeriscono molti dossi lungo la corsa. Questa interpretazione ipotetica non è ciò che è necessariamente accaduto, ovviamente, cosa che non possiamo mai sapere con certezza. I risultati dello studio sono stati riportati in PLOS One.

Ph. Credit: PLOS One