Covid-19 risposte anticorporali
Foto di Pete Linforth da Pixabay

L’efficacia delle due iniezioni dei vaccini Covid-19, come Pfizer e Moderna, risulta essere molto alta per le persone affette dall’infezione. Un nuovo studio si è chiesto se ci fossero risposte anticorporali anche in persone che avevano già avuto l’infezione. Approfittando dello studio longitudinale PARIS hanno fornito un’istantanea limitata delle risposte anticorpali in 110 partecipanti allo studio con o senza Covid-19 preesistente.

67 partecipanti sieronegativi e 43 partecipanti sieropositivi hanno ricevuto la loro prima dose di vaccino mRNA spike nel 2020. La risposta degli anticorpi del virus è stata misurata con l’uso di un test di immunoassorbimento enzimatico in due fasi descritto in precedenza ed espresso come area sotto la curva.

 

Covid-19, risposte anticorporali in persone già affette dal virus con un’unica dose di vaccino

Il campionamento ripetuto indica che la maggior parte dei partecipanti sieronegativi ha avuto risposte variabili e relativamente basse entro 9-12 giorni dalla vaccinazione. Al contrario, i partecipanti con anticorpi SARS-CoV-2 prima della prima iniezione di vaccino hanno sviluppato rapidamente risposte anticorporali alte e uniformi entro pochi giorni dalla vaccinazione.

Gli anticorpi dei vaccinati con immunità preesistente erano da 10 a 45 volte superiori a quelli dei vaccinati senza immunità dopo la prima dose di vaccino. Sebbene le risposte anticorporali dei vaccinati senza immunità preesistente aumentassero dopo la seconda dose di vaccino, non è stato osservato alcun aumento nei sopravvissuti al Covid-19 che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino.

Nessuna differenza sostanziale nella dinamica delle risposte anticorpali indotte dai vaccini Pfizer e Moderna dopo la prima dose. L’attuale analisi rappresenta un campione di convenienza in cui non tutti i partecipanti sono stati in grado di fornire campioni biologici per l’analisi degli anticorpi a tutti gli intervalli di tempo aggiuntivi. Studi in corso mostreranno se queste prime differenze nelle risposte immunitarie durino per un periodo di tempo prolungato.

 

Effetti collaterali

Inoltre, hanno confrontato la frequenza delle reazioni locali, correlate al sito di iniezione e sistemiche dopo la prima dose di vaccino in 230 partecipanti. Nel complesso, entrambi i vaccini anti-Covid non hanno avuto effetti collaterali che hanno portato al ricovero in ospedale. Un totale di 159 partecipanti hanno riferito di avere alcuni effetti collaterali dopo la prima dose di vaccino. I più comuni sono i sintomi localizzati al sito di iniezione ,dolore, gonfiore ed eritema, verificati con uguale frequenza indipendentemente dallo stato sierologico al momento della vaccinazione.

Coloro con immunità preesistente hanno avuto effetti collaterali sistemici a frequenze più elevate come affaticamento, mal di testa, brividi, dolori muscolari, febbre e dolori articolari. Poiché si utilizza un campione di convenienza, è necessaria cautela fino a quando non è possibile valutare l’intero set di dati. Una singola dose di vaccino mRNA ha suscitato risposte immunitarie rapide nei partecipanti sieropositivi. Se una singola dose di vaccino a mRNA fornisce una protezione efficace nelle persone sieropositive richiede un’indagine.

Foto di Pete Linforth da Pixabay