Covid-19 sintomi
Foto di Pete Linforth da Pixabay

Secondo un nuovo studio i sintomi Covid-19 che si presentano durante la prima settimana d’infezione potrebbero dirci se siamo dei trasportatori a lungo raggio della malattia. I rapporti sui sintomi della malattia, il cosiddetto Long Covid, sono in aumento ma si sa poco sulla prevalenza, sui fattori di rischio o sulla possibilità di prevedere un decorso prolungato all’inizio della malattia.

Il Long Covid è caratterizzato da sintomi di affaticamento, mal di testa, dispnea e anosmia ed era più probabile con l’aumentare dell’età, dell’indice di massa corporea e del sesso femminile. L’esperienza di più di cinque sintomi durante la prima settimana di malattia è stata associata a questa situazione prolungata.

 

Covid-19, i sintomi potrebbero dirci se siamo trasportatori a lungo raggio

Su oltre 4.000 partecipanti, circa il 13% dei pazienti ha riportato sintomi che durano più di 28 giorni, il 4% per più di 8 settimane e il 2% più di 12 settimane. 1 persona su 20 che ha Covid-19 avrà sintomi che durano 8 settimane o più. L’anosmia, o la perdita dell’olfatto, è il sintomo più comune nei gruppi di età più avanzata. Le donne avevano anche maggiori probabilità di avere una malattia più lunga rispetto agli uomini, con il 14,9% delle partecipanti allo studio che riportavano sintomi 28 giorni dopo l’infezione iniziale, rispetto al 9,5% degli uomini.

Il Covid Symptom Study è un’applicazione mobile lanciata in risposta alla pandemia Covid-19. Ai collaboratori dell’app viene richiesto di fornire informazioni quotidiane sul loro stato di salute e sui sintomi, nonché i risultati di qualsiasi test COVID-19 disponibile. La durata mediana dei sintomi era di 5 giorni con il 2,4% che riportava sintomi per più di 28 giorni. Per gli individui che hanno avuto un tampone positivo, la durata mediana complessiva dei sintomi è stata di 11 giorni.

Lo studio ha trovato due modelli principali tra i partecipanti allo studio. Un gruppo di trasportatori a lungo raggio Covid-19 ha segnalato esclusivamente affaticamento, mal di testa e problemi delle vie respiratorie superiori. Tuttavia, un secondo gruppo di trasportatori a lungo raggio presentava disturbi multisistemici persistenti, come febbre o sintomi gastrointestinali. Essendo una situazione molto comune è importante rendere le persone consapevoli che possono verificarsi tutti questi diversi effetti collaterali e sintomi.

 

Intervenire precocemente e facilitare il recupero

Lo studio arriva poche settimane dopo che il dottor Anthony Fauci ha annunciato che il governo degli Stati Uniti stava lanciando un’iniziativa a livello nazionale per studiare il Long Covid. Circa il 30% dei pazienti ha riportato sintomi persistenti fino a nove mesi dopo la malattia. Si spera che lo studio getterà le basi per la futura ricerca per aiutare a individuare i partecipanti e intervenire sul lungo Covid-19 prima che i pazienti sappiano di averlo.

È necessaria cautela nell’interpretazione delle associazioni trovate in sottogruppi di popolazione più piccoli. I risultati del test del tampone erano auto-riferiti e si presumeva che provenissero tutti dalla PCR con trascrizione inversa, poiché i test dell’antigene non erano disponibili al momento. Inoltre, questo metodo potrebbe aiutare a determinare i gruppi a rischio ed essere utilizzato per indirizzare gli studi di intervento precoce e gli sviluppi dei servizi clinici per supportare la riabilitazione nelle cure primarie e specialistiche e facilitare il recupero tempestivo.

Foto di Pete Linforth da Pixabay