Boriska Kipryanovich, marte, marziani, alieni
Ph. Credit: University Fox

Boriska Kipriyanovich il giovane ventitreenne russo di Volgograd, con un QI di 200, che afferma di essere nato su Marte e di aver vissuto sul pianeta rosso prima di rinascere sulla Terra con un’apparente missione per salvare l’umanità, è pronto a svelare i dettagli della sua vita marziana.

 

Un ragazzo straordinario sin dalla nascita: Boriska Kipriyanovich

Boriska, vezzeggiativo di Boris, Kipriyanovich è nato nel 1996 e sin da subito ha dimostrato di essere un bambino davvero speciale. Sua madre afferma infatti di aver sempre avuto la sensazione che suo figlio fosse speciale, una sorta di genio decisamente precoce. La madre ha infatti raccontato in un’intervista rilasciata a un noto portale mediatico, che il piccolo Boriska, ha iniziato a parlare solo pochi mesi dopo la sua nascita.

La donna ha anche aggiunto che all’età di un anno e mezzo era in grado di leggere, disegnare e dipingere. Anche i suoi insegnati di asili hanno notato, quando aveva solo due anni, la sua straordinaria capacità di scrivere e le sue capacità di apprendimento delle lingue. In un’intervista del 2017 rilasciata ad un portale multimediale, uno degli insegnanti dell’asilo di Boriska ha raccontato che il ragazzo possedeva capacità di memoria sorprendenti.

I suoi genitori affermano di non aver fornito al ragazzo nessuna informazione o insegnamento sullo spazio durante la sua infanzia. Rimasero dunque molto colpiti nel sentirlo parlare di Marte per ore. E man mano che cresceva il suo interesse per lo spazio e soprattutto per il Pianeta Rosso, il piccolo Boriska iniziò a sostenere di essere nato proprio su Marte.

 

I suoi racconti di Marte e della sua distruzione

Ma non si è limitato affatto a questo. Boriska Kipriyanovich afferma infatti di essere stato inviato sulla Terra per salvare gli umani dall’apocalisse che giungerà a causa di una guerra nucleare. Questo perché vuole impedirci di fare la stessa fine degli abitanti del suo pianeta.

Il ragazzo ha infatti raccontato che la razza aliena che popolava Marte, e di cui lui fa parte, fu spazzata via migliaia di anni fa a causa proprio di guerra nucleare. Boriska è dunque venuto sulla Terra per avvertirci che se gli umani non cambieranno la situazione relativa alla lotta per l’energia nucleare, presto incontreranno la stessa sorte dei marziani.

Il giovane Boris afferma inoltre di non essere l’unico a provenire dallo spazio. Ci sarebbero infatti molti bambini come lui che sono stati inviati sulla Terra, delle reincarnazioni di alieni marziani conosciuti come i “bambini indaco”. Ma quelli sulla Terra non sono gli unici superstiti. Secondo Boriska, ci sono infatti altri marziani che sopravvissuti alla guerra nucleare, vivono ancora sul Pianeta Rosso.

Il ragazzo ha anche svelato alcune caratteristiche dei marziani. Si tratta di esseri immortali, che smettono di invecchiare a 35 anni e che sono tutti estremamente alti e capaci di compiere viaggi interstellari.

Nei suoi ricordi di questa vita precedente su Marte, Boriska afferma che quando aveva 14 o 15 anni i marziani stavano combattendo guerre che lo hanno costretto spesso a partecipare a raid aerei con i suoi amici. I marziani sarebbero, secondo il ragazzo, in grado di viaggiare nel tempo e nello spazio e di guidare astronavi molto complesse.

Ovviamente nulla di tutto ciò è stato mai confermato. Ma magari il rover Perseverance della NASA troverà le tracce di una antica guerra nucleare combattuta sul pianeta Rosso, chissà!

Ph. Credit: University Fox