meccanismo di Antikythera
Ph. Credit: Wikipedia

Il meccanismo di Antikythera, un antico calcolatore astronomico greco, ha sfidato i ricercatori sin dalla sua scoperta nel 1901. Ora diviso in 82 frammenti, sopravvive solo un terzo dell’originale, comprese 30 ruote dentate in bronzo corrose. La tomografia computerizzata ha decodificato la struttura della parte posteriore della macchina, ma la parte anteriore è rimasta in gran parte irrisolta. Ha anche rivelato iscrizioni che descrivono i movimenti del Sole, della Luna e di tutti e cinque i pianeti conosciuti nell’antichità e come sono stati visualizzati nella parte anteriore come un antico Cosmo greco.

Le iscrizioni che specificano periodi planetari complessi hanno costretto un nuovo pensiero sulla meccanizzazione di questo Cosmo, ma nessuna ricostruzione precedente si è avvicinata al confronto con i dati. Queste scoperte portano a un nuovo modello, che soddisfa e spiega le prove. Conosciuto da molti come il primo computer analogico al mondo, il meccanismo di Antikythera è il pezzo di ingegneria più complesso sopravvissuto dal mondo antico.

 

Il meccanismo di Antikythera, comprendere l’Universo antico

Lo studio rivela una nuova rappresentazione dell’antico ordine greco dell’Universo, all’interno di un complesso sistema di ingranaggi nella parte anteriore del Meccanismo. Questo è il primo modello che è conforme a tutte le prove fisiche e corrisponde alle descrizioni nelle iscrizioni scientifiche incise sul meccanismo stesso. Il Sole, la Luna e i pianeti vengono visualizzati in un impressionante tour de force dell’antica brillantezza greca.

È un dispositivo in bronzo che consiste in una complessa combinazione di 30 ingranaggi in bronzo sopravvissuti utilizzati per prevedere eventi astronomici, comprese eclissi, fasi lunari, posizioni dei pianeti e persino date delle Olimpiadi. Sebbene nell’ultimo secolo siano stati compiuti grandi progressi per capire come funzionasse, i raggi X 3D e l’imaging di superficie hanno permesso ai ricercatori di mostrare come il meccanismo prevedeva le eclissi e calcolava il movimento variabile della Luna.

 

Calcolare i cicli astronomici

Solo circa un terzo del meccanismo è sopravvissuto ed è suddiviso in 82 frammenti, creando una sfida scoraggiante per il team. Il più grande frammento sopravvissuto, noto come Frammento A, mostra le caratteristiche di cuscinetti, pilastri e un blocco. Un altro, noto come Frammento D, presenta un disco inspiegabile, un ingranaggio a 63 denti e una piastra. Utilizzando un metodo matematico greco antico descritto dal filosofo Parmenide, il team non solo ha spiegato come sono stati derivati ​​i cicli di Venere e Saturno, ma è anche riuscito a recuperare i cicli di tutti gli altri pianeti, dove mancavano le prove.

Il team ha quindi creato meccanismi innovativi per tutti i pianeti che calcolerebbero i nuovi cicli astronomici avanzati e minimizzerebbero il numero di ingranaggi nell’intero sistema, in modo che si adattassero agli spazi ristretti disponibili. Questo è un progresso teorico fondamentale su come il Cosmo è costruito nel Meccanismo. Ora dovranno dimostrare la sua fattibilità realizzandolo con tecniche antiche. Una sfida particolare sarà il sistema di tubi annidati che portava le uscite astronomiche. La scoperta avvicina il team di ricerca alla comprensione delle piene capacità del meccanismo di Antikythera e della precisione con cui è stato in grado di prevedere eventi astronomici. Il dispositivo è conservato presso il Museo Archeologico Nazionale di Atene.

Ph. Credit: Wikipedia