cratere
Credit: NASA

Il cratere più antico del mondo creato da un meteorite pare non avere a tutti gli effetti questo primato. Un team di scienziati ha scoperto che deriva da normali processi geologici. Un team di scienziati dell’Università di Waterloo, in Canada, si è recato in Groenlandia con una grande missione: chiarire quello che potrebbe essere stato uno dei più grandi errori in astronomia e geologia negli ultimi tempi.

Nel 2012, un team ha identificato in Archean Maniitsoq come il resto di un cratere meteoritico di tre miliardi di anni. Recentemente, durante il lavoro sul campo presso il cratere, i ricercatori dell’università canadese hanno scoperto che le caratteristiche di questa regione non sono coerenti con un cratere da impatto. “I cristalli di zircone nella roccia sono come piccole capsule del tempo“, ha detto Chris Yakymchuk, professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente e capogruppo. “Conservano i vecchi danni causati dalle onde d’urto ottenute con l’impatto di un meteorite. Ma non abbiamo trovato quel danno ai cristalli“.

 

Il metamorfismo

Inoltre, ci sono diversi luoghi in cui le rocce si sono sciolte e ricristallizzate nelle profondità della Terra. Questo processo, chiamato metamorfismo, avverrebbe quasi istantaneamente se il cratere fosse il risultato di un impatto. Ma il processo è avvenuto almeno 40 milioni di anni dopo la data proposta dal gruppo che ha trovato il cratere nel 2012.

Contrariamente alla credenza popolare, il cratere non è stato formato dall’impatto di un meteorite, ma da processi geologici naturali. Nonostante negli anni si sia chiarito questo come un malinteso, gli investigatori sono rimasti delusi dai risultati della spedizione.

L’articolo scientifico è stato recentemente pubblicato su Earth and Planetary Science Letters.