detriti spaziali magneti
Ph. Credit: Flickr

Anche se non ne siamo consapevoli, milioni di persone in tutto il mondo fanno affidamento ogni giorno sui dati satellitari: scambiamo messaggi, parliamo con la famiglia e gli amici, controlliamo il tempo e gestiamo le finanze tra gli altri. I satelliti sono anche utilizzati per gestire e mitigare i disastri naturali, monitorare il clima della terra e fornire informazioni sulla sicurezza nazionale.

Quello che non sappiamo è che questa fonte di dati è a rischio crescente di essere distrutta a causa dei detriti spaziali. con questo in mente, la società giapponese Astroscale ha sviluppato un sistema che utilizza magneti per attirare i detriti e trasportarli verso l’atmosfera terrestre dove verranno distrutti.

 

Missione ELSA-d: la caccia ai detriti spaziali è aperta

Il dispositivo chiamato ELSA-d permetterà di dimostrare le tecnologie fondamentali necessarie per l’attracco e la rimozione dei detriti nello spazio. ELSA-d è costituito da due veicoli spaziali: un satellite servicer e un satellite client che verranno lanciati impilati insieme. Il satellite servicer è stato sviluppato per rimuovere in sicurezza oggetti detriti dall’orbita, dotato di tecnologie di rendezvous di prossimità e di un meccanismo di aggancio magnetico.

Il satellite client è un frammento di replica dotato di una piastra ferromagnetica che consente l’attracco. Il servicer rilascerà e attraccherà ripetutamente con il client in una serie di dimostrazioni tecniche, dimostrando la capacità di trovare e attraccare con satelliti defunti e altri detriti. Le dimostrazioni includono la ricerca del client, l’ispezione del client e il docking.

La missione ELSA-d dimostrerà diverse capacità e tecnologie necessarie per i futuri servizi in orbita. Mentre la missione ELSA-d dimostrerà le tecnologie che possono essere applicate direttamente ai client, ci sono alcune lievi differenze nelle future missioni di assistenza. Pur aprendo la strada alla prova delle capacità di rimozione dei detriti, ELSA-d promuoverà anche gli sviluppi normativi e promuoverà il business case per i servizi di rimozione dei detriti attivi.

Ph. Credit: Flickr