Covid-19 alimenti risposta immunitaria
Foto di ElasticComputeFarm da Pixabay

Sappiamo che molto probabilmente gli alimenti trasformati o ricchi di conservanti non sono molto sicuri per la salute del nostro sistema immunitario. Un nuovo studio ha scoperto che due conservanti in particolare potrebbero danneggiare il nostro sistema immunitario. La cattiva notizia è che si trovano in quasi 1.250 amati snack presenti nella nostra dieta. Le sostanze scoperte, terz-butilidrochinone e sostanze per- e polifluoroalchiliche, potrebbero inoltre influenzare e ridurre la risposta immunitaria del vaccino Covid-19.

Lo studio ha cercato di valutare gli effetti del TBHQ, un conservante utilizzato per allungare la durata di conservazione di un prodotto alimentare. Quest’ultimo potrebbe essere dannoso per la funzione immunitaria, influenzando le cellule T, le cellule B e le cellule NK. Solitamente queste sostanze si trovano negli imballaggi, ma possono filtrare negli alimenti.

 

Covid-19, questi alimenti riducono la risposta immunitaria

Oltre ad abbassare la risposta immunitaria queste sostanze possono portare a innumerevoli problemi di salute inclusi diversi tipi di cancro, basso peso alla nascita, disturbi endocrini, aumento del colesterolo e aumento di peso. Tutto ciò che riguarda il nostro sistema immunitario e il suo benessere viene accentuato quando si tratta di Covid-19. Prima della pandemia, le sostanze chimiche che potevano danneggiare la difesa del sistema immunitario contro le infezioni o il cancro non ricevevano sufficiente attenzione dalle agenzie di sanità pubblica. Per proteggere la salute pubblica, questo deve cambiare.

Un secondo studio, sempre su queste sostanze, ha scoperto che ha reso meno efficaci i vaccini contro l’influenza, sollevando alcuni dubbi sui vaccini Covid-19. Ovviamente ripulirci da queste sostanze richiede molto tempo, ma potremmo ridurre i rischi cercando di evitare determinati alimenti nella nostra dieta. È stata richiesta una revisione sulla sicurezza di queste sostanze negli alimenti e nel confezionamento.

Troppo spesso, la FDA consente all’industria alimentare e chimica di determinare quali ingredienti sono sicuri per il consumo. La ricerca mostra quanto sia importante che la FDA dia una seconda occhiata a questi ingredienti e controlli la sicurezza di tutte le sostanze chimiche alimentari. Tuttavia scopriamo insieme quali sono questi alimenti da cui stare alla larga.

 

Non prendere antidolorifici OTC

Mentre molte persone cercano di mitigare gli effetti collaterali del vaccino Covid-19, gli esperti consigliano di evitarli prima di andare a fare il vaccino. Gli analgesici, come Tylenol o Advil, possono indebolire la risposta del sistema immunitario ed è meglio non prenderli prima di farlo. Tuttavia una volta vaccinati possiamo prenderli tranquillamente se ne abbiamo bisogno.

 

Non bere alcolici la sera prima

Sebbene non ci sia una raccomandazione ufficiale di non assumere alcol prima di fare il vaccino, i ricercatori consigliano di non assumerlo la sera prima di un colpo. Gli studi hanno dimostrato che probabilmente avremmo bisogno di bere troppo per avere un effetto acuto sull’efficacia del vaccino, ma anche un consumo moderato può esacerbare gli effetti collaterali del vaccino dovuti alla disidratazione o alla sbornia.

 

Non fare altri vaccini entro 14 giorni da quello anti-Covid

Poiché mancano dati sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini Covid-19 somministrati contemporaneamente ad altri vaccini, la serie di vaccini deve essere abitualmente somministrata da sola , con un intervallo minimo di 14 giorni prima o dopo la somministrazione di qualsiasi altro vaccino. Tuttavia, Covid-19 e altri vaccini possono essere somministrati entro un periodo più breve in situazioni in cui si ritiene che i benefici della vaccinazione superino i potenziali rischi sconosciuti della co-somministrazione del vaccino.

 

Nessuna preoccupazione per un test in anticipo

Sebbene il CDC raccomandi di ritardare il vaccino Covid-19 se siamo già stato infettati dal virus, dicono anche che non è necessario fare un test prima del vaccino se privi di sintomi. I test virali per valutare l’infezione acuta o i test sierologici per valutare l’infezione precedente ai fini del processo decisionale sul vaccino non sono raccomandati. E per ulteriori informazioni su cosa fare prima del vaccino anti-Covid, se prendiamo questo farmaco comune, dobbiamo parlare con un medico specializzato.

Foto di ElasticComputeFarm da Pixabay