Oppo Find X3 Neo

Oppo Find X3 Neo compie un incredibile salto in avanti, in termini di qualità e di prestazioni generali rispetto all’ottima generazione precedente. Il prezzo è quello di un top di gamma, di listino costa 799 euro, ma ciò che è in grado di offrire non delude assolutamente le aspettative.

Esteticamente il prodotto è una meraviglia, è leggermente più grande rispetto all’Oppo Find X2 Neo, raggiungendo 159,9 x 72,5 x 7,99 millimetri con 184 grammi, anche se resta ugualmente uno dei più sottili e leggeri tra gli attualmente in commercializzazione. Non lo si potrà utilizzare con una mano, però sarà più semplice trasportarlo nella tasca dei pantaloni o nello zaino. Ciò che convince è la bellissima scocca in vetro satinato, con texture piramidale finemente cesellata e dalla finitura brillante, ruvida al tatto, opaca alla vista (non trattiene in nessun modo le impronte), e dalla colorazione differente in relazione a come la luce “la investe”. Una scelta unica è pienamente convincente.

Sui bordi troviamo la connettività, con tasti del volume sul lato sinistro, accensione/spegnimento sul destro, mentre inferiormente spicca la USB type-C 2.0 (senza uscita video) e l’altoparlante stereo. Il carrellino per le SIM presenta solamente 2 slot, di conseguenza si potranno inserire in contemporanea 2 SIM, ma non l’espansione di memoria.

 

Hardware e specifiche

Anteriormente l’Oppo Find X3 Neo presenta un display curvo 3D sui bordi, non al livello dello Xiaomi Mi 10, con l’obiettivo di fornire una sensazione di infinity display, grazie anche ad un rapporto schermo/corpo del 92,1%. L’impatto visivo è eccellente, e possiamo assicurare essere completamente esente da tocchi involontari. La qualità è altissima, parliamo a tutti gli effetti di un AMOLED da 6,55 pollici (16,64 centimetri di diagonale), con risoluzione FullHD+ (2400 x 1080 pixel), frequenza di aggiornamento a 90Hz 402 ppi.

Il leitmotiv della Find X3 series è rappresentato dall’attenzione ai colori, il modello recensito presenta il supporto all’HDR 10, ed al 97% della gamma dinamica NTSC, nonché il 100% della DCI-P3. Al netto di noiosi dettagli tecnici, il pannello restituisce immagini eccellenti, ben definite, dettagliate e nitide, con una gamma dinamica veramente molto più ampia dei concorrenti. La frequenza di aggiornamento a 90Hz (purtroppo non adattabile in automatico), accoppiata con la frequenza di campionamento tattile 120Hz, garantisce un’esperienza fluida ed in linea con le aspettative.

Sotto il cofano è stato posizionato il processore Qualcomm Snapdragon 865, octa-core a 2,8GHz di frequenza di clock, con processo produttivo a 7 nanometri, affiancato dalla GPU Adreno 650. La configurazione si completa con ben 12GB di RAM LPDDR4X e 256GB di memoria interna UFS 3.1 (la più veloce sul mercato), non espandibile. Il prodotto, data la presenza del SoC top di gamma del 2020, ed un buonissimo quantitativo di RAM, è rapido in ogni utilizzo, anche legato direttamente al gaming; le applicazioni si avviano molto rapidamente, e sarà velocissimo anche nello spostamento tra le stesse.

La connettività è rappresentata da WiFi 6 ax dual band (con connessione simultanea a 2.4 e 5GHz), bluetooth 5.2, chip NFC per i pagamenti mobili, GPS con glonass e supporto alla rete 5G. E’ assente il jack da 3,5mm e non presenta alcun tipo di certificazione di impermeabilità.

Lo sblocco dell’Oppo Find X3 Neo può avvenire in due modi, tramite il sensore per le impronte digitali o il riconoscimento del viso 2D. In entrambi i casi abbiamo potuto scoprire sistemi rapidissimi, di livello praticamente paritario, e con affidabilità molto elevata; non abbiamo notato lag o rallentamenti significativi.

L’audio è infine stereo, sfrutta a piena potenza anche la capsula auricolare, restituendo un suono dal volume particolarmente elevato, nitido, dettagliato e dal pieno rispetto di tutte le frequenze sonore (forse gli alti leggermente troncati). Questi è complessivamente in linea con la fascia di prezzo.

 

Fotocamera, sistema operativo e batteria

Il comparto fotografico dell’Oppo Find X3 Neo è rappresentato da 4 sensori, suddivisi in un principale da 50 megapixel con apertura F1.8 e angolo di visuale di 84°, un Sony IMX766 di nuova generazione, con dimensioni maggiorate e HDR aggiornato. Al suo fianco è stato posizionato un ultragrandangolare da 16 megapixel, con apertura F2.2 e angolo di visuale di 123°, per passare poi a teleobiettivo da 13 megapixel con apertura F2.4 e angolo di visuale di 45°, nonché un macro da 2 megapixel con apertura F2.4 e angolo di visuale di 89°.

I sensori ripercorrono tutte le richieste e le necessità degli utenti nel 2021, forse l’unico “in eccesso” è il macro, molto spesso inutile nell’utilizzo quotidiano; apprezziamo invece la scelta di integrare sia il grandangolare che lo zoom, entrambi di ottima qualità generale.

Le immagini all’aperto, o con forte illuminazione, sono risultati essere di qualità eccellente, colori ben tarati (non particolarmente saturi o contrastati), dotati di una gamma dinamica ampissima. Il dettaglio e la nitidezza sono a livelli estremamente elevati, la gestone delle forti luci è pressoché perfetta; il consiglio è di non attivare l’intelligenza artificiale, poiché in determinate condizioni potrebbe modificare gli scatti rendendoli “artefatti”.

Al chiuso le immagini superano le aspettative, sono indiscutibilmente tra le migliori della fascia di prezzo, con un ottimo dettaglio, nitidezza e qualità generale. Il rumore non si vede, gli scatti difficilmente risultano essere mossi, se proprio il terminale potrebbe andare in difficoltà in situazioni di penombra con forti sorgenti luminose, ma parliamo davvero di dettagli.

La modalità notturna migliora sensibilmente gli scatti (già buoni di partenza), portando luminosità, nitidezza e dettaglio. Anche in questo caso una delle migliori del mercato.

Anteriormente è stato posizionato un sensore da 32 megapixel, con apertura F2.4 e angolo di visuale di 80°,complessivamente in linea con le aspettative, in termini di qualità generale dello scatto e di effetto bokeh; lo scontornamento del soggetto si completa alla perfezione, senza modificare i contorni dello stesso.

video sono realizzati al massimo in 4K a 60fps, con varie modalità già viste su Oppo Find X3 Lite, tra cui il live HDR o il video a doppia vista, ma impreziositi dallo stabilizzatore ottico sul sensore principale da 50 megapixel. Questa caratteristica, accoppiata con le due ultra-stabilizzazioni caratteristiche dei dispositivi Oppo, rende il terminale facilmente utilizzabile anche mentre stiamo camminando, per riprese a mano libera. I filmati prodotti saranno decisamente stabili, di livello superiori a tanti altri rivali del settore.

L’autofocus è perfetto, non è troppo nervoso, riesce a riconoscere rapidamente il soggetto da mettere a fuoco, senza perderlo mai nemmeno un secondo, ovviamente fino a quanto resterà all’interno dell’inquadratura.

Il sistema operativo è Android 1, con patch aggiornate a Gennaio 2021, con personalizzazione grafica Color OS 11.1. Le ultime release hanno dato una fortissima svecchiata all’interfaccia, rendendola fluida, ampiamente personalizzabile, alla moda e giovanile; le funzioni integrate non cambiano, potremo personalizzare l’always on display, il tema scuro, attivare la barra laterale intelligente, sfruttare il tasto di accensione per accedere a Google Assistant, sino al Private System, il Flex Drop, le gesture a 3 dita per tradurre parti di brani o l’assistente giochi.

La batteria è un componente da 4500mAh, suddiviso in due parti da rispettivamente 2200 2250mAh, con ricarica rapida a 65 watt (passa da 0-100% in 35 minuti) e ricarica inversa, ma senza il wireless. La durata è un filo superiore alla media, che nei nostri test si aggira sulle 3 ore 30 minuti/4 ore di display attivo; con l’Oppo Find X3 Neo siamo riusciti a totalizzare 4 ore 26 minuti con il 2% di carica o 4 ore 39 minuti con il 6% di carica residua.

 

Oppo Find X3 Neo: conclusioni

In conclusione Oppo Find X3 Neo è a tutti gli effetti un top di gamma da acquistare ad occhi chiusi, sebbene il prezzo sia abbastanza elevato. Non fatevi trarre in inganno dalla presenza di un processore del 2020, la combinazione con la RAM e la ROM lo rendono scattante e rapido ad eseguire qualsiasi azione. Il display di alto livello ed il comparto fotografico completamente aggiornato, lo rendono uno dei migliori della stessa fascia di prezzo.

La videorecensione è disponibile per tutti qui sotto, con i punteggi riassuntivi.

Oppo Find X3 Neo

799 euro
8.6

Design e Ergonomia

9.0/10

Display

9.0/10

Processore

8.5/10

Foto e Video

8.5/10

Batteria

8.0/10

Pros

  • Design unico nel proprio genere
  • Comparto fotografico di alto livello
  • Display molto bello e dettagliato
  • Processore da top di gamma
  • Ricarica rapida a 65 watt

Cons

  • Memoria non espandibile
  • Assente il jack audio da 3,5mm
  • Non è impermeabile
  • No ricarica wireless