sole, proprietaria

Il Sole, l’astro attorno a cui ruota il nostro Pianeta e da cui dipende la vita sulla Terra ha una sua proprietaria. Circa 11 anni fa, Maria Angeles Duran ha rivendicato la proprietà sul Sole, divenendo così, con un atto notarile, la proprietaria maggioritaria del nostro astro.

La signora Angeles Duran, convinta di essere legittimamente proprietaria del Sole, ha infatti trovato quella che sembrerebbe, a suo avviso, essere una falla nel diritto e che le avrebbe permesso di poter rivendicare la proprietà sul Sole.

 

Maria, la proprietaria del Sole grazie all’usucapione

La signora spagnola ha quindi “acquistato” il Sole nel 2010 con tanto di atto di proprietà redatto da un notaio. Le è stato permesso farlo poiché non esiste nessuna legge che proibisca ad un cittadino di rivendicare la proprietà di parti dell’Universo e la signora ne ha approfittato.

Come ha ella stessa dichiarato in un intervista con La Legge Per Tutti, “esiste una legge che vieta agli Stati di rivendicare la proprietà degli astri, ma non ai singoli. L’avrebbe potuto fare chiunque, ma a me è venuto in mente prima”.

Il fondamento giuridico su cui la signora si è basata per acquisire la proprietà del Sole, è nel codice civile, che prevede l’acquisizione tramite usucapione. L’usucapione, in latino usucapio, è un modo di acquisto della proprietà a titolo originario basato, sul perdurare per un determinato periodo di tempo, del possesso su un bene. Tale atto può essere formalizzato in tre forme diverse: da un notaio, da un tribunale o tramite un registro della proprietà.

E come ha affermato la stessa Angeles Duran: “Io ho sfruttato l’usucapione per apprensione elettromagnetica radioattiva per più di 30 anni. Quando sono andata dal notaio gli ho fatto notare che il “Trattato delle Nazioni Unite” prevede che nessuna Nazione e nessun Paese o governo possa intestarsi alcuna proprietà dell’universo, ma non parla nello specifico che possa farlo un qualsiasi cittadino.”

Così il notaio della signora ha preso in carico la sua richiesta e dopo aver conferito con il collegio dei notai e aver condotto quattro mesi di ricerche per essere sicuro che ciò che la signora chiedeva non violasse nessuna legge e nessuna norma, ha stabilito che l’atto si poteva fare in quanto era fondamentato giuridicamente.

 

Dovremmo pagare i diritti per usare il “suo Sole?

Ma perché rivendicare la proprietà del Sole? Beh l’obiettivo della signora spagnola è proprio quello di rivendicarne, a tutti gli effetti, i diritti. Angeles Duran vorrebbe infatti che tutti gli utilizzatori del sole, ovvero l’intero pianeta, le pagassero una somma ben precisa.

Ma la signora assicura che non spenderà quei soldi in beni di lusso. Come ha dichiarato: “Il 50% degli introiti li verserò al fisco, il 20% all’ente pensionistico spagnolo, il 10% alla ricerca e un altro 10% per combattere la fame nel mondo”. A lei rimarrà solo il restante 10%, quello che lei ritiene essere una dovuta ricompensa per la sua idea.

Ma negli ultimi 11 anni, la signora non ha ancora ricevuto un centesimo da nessuno e qualche anno fa aveva persino cercato di vendere alcuni lotti sul Sole su Ebay, che ha però rimosso l’annuncio perché a quanto pare non rispettava le regole della piattaforma.

 

Per ora nessuno le ha mai versato nulla

Dopo il fallimento su Ebay, la signora non si è affatto scoraggiata e ha creato un suo sito dove vende pezzi di Sole, ma non ci sono acquirenti e al momento non sa nemmeno cosa ne sarà della sua eredità “solare” quando giungerà la sua ora.

Sembra dunque che non ci sia da preoccuparsi al momento, anche se non paghiamo nulla alla signora per usare il “suo” Sole, nessuno al momento verrà a disturbarci e nessuno sembra prenderla troppo sul serio.

Alcuni esperti di diritto affermano infatti che il suo atto notarile presenta non poche controversie. Ad esempio, in base ad una sua intervista, il suo possesso è basato sul “Diritto Romano che è ancora valido in tutti gli Stati. Ma gli esperti spiegano che, nonostante buona parte del diritto occidentale sia basato sul diritto romano, questo ad oggi di fatto non esiste più se non come ispirazione, suggestione, padre nobile del diritto.

Il diritto moderno infatti si pone, come ogni scienza, i problemi che si trova di fronte man mano che essi appaiono con il progredire della società. Questo per non distrarre l’attenzione dai problemi che ci sono dirottando conoscenze e ricercatori da problemi che ancora non esistono.

Ph. Credit: Curiosando si impara