miele americano test nucleari
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Secondo un nuovo studio, il fallimento dei test delle bombe nucleari negli anni ’50 e ’60 si sta manifestando nel miele degli Stati Uniti. “È davvero incredibile”, riferisce Daniel Richter, uno scienziato del suolo della Duke University. “Lo studio mostra che la ricaduta è ancora là fuori ed ha le sembianze di una sostanza nutritiva importante”.

Sulla scia della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti, l’ex Unione Sovietica e altri paesi hanno fatto esplodere centinaia di testate nucleari in test in superficie. Le bombe hanno espulso il radiocesio – una forma radioattiva dell’elemento cesio – nell’alta atmosfera, e i venti lo hanno disperso in tutto il mondo prima che cadesse dal cielo in particelle microscopiche.

 

Rinvenuti livelli di radiocesio nel miele

Il radiocesio è solubile in acqua e le piante possono scambiarlo per potassio, un nutriente vitale che condivide proprietà chimiche simili. Per vedere se le piante continuano ad assorbire questo contaminante nucleare, James Kaste, un geologo del College of William & Mary a Williamsburg, in Virginia, ha assegnato ai suoi studenti universitari un incarico: riportare cibi locali dalle loro destinazioni per le vacanze di primavera per testare il radiocesio.

Uno studente è tornato con il miele da Raleigh, nella Carolina del Nord. Con sorpresa di Kaste, conteneva livelli di cesio 100 volte superiori rispetto al resto degli alimenti raccolti. Si chiedeva se le api degli Stati Uniti orientali che raccoglievano il nettare dalle piante e lo trasformavano in miele concentrassero il radiocesio dai test delle bombe.

Così Kaste ei suoi colleghi, incluso uno dei suoi studenti universitari, hanno raccolto 122 campioni di miele grezzo prodotto localmente da tutti gli Stati Uniti orientali e li hanno testati per il radiocesio. Lo hanno rilevato in 68 dei campioni, a livelli superiori a 0,03 becquerel per chilogrammo, circa 870.000 atomi di radiocesio per cucchiaio. I livelli più alti di radioattività si sono verificati in un campione della Florida: 19,1 becquerel per chilogrammo.

 

I risultati non preoccupano le autorità del settore

I risultati, riportati il ​​mese scorso su Nature Communications, rivelano che, a migliaia di chilometri dal sito della bomba più vicino e più di 50 anni dopo la caduta delle bombe, la ricaduta radioattiva sta ancora attraversando piante e animali.

Tuttavia, questi numeri non sono nulla di cui preoccuparsi, riferisce la Food and Drug Administration statunitense. I livelli di radiocesio riportati nel nuovo studio scendono “ben al di sotto” di 1200 becquerel per chilogrammo, il limite per qualsiasi problema di sicurezza alimentare, ha affermato l’agenzia.

Quindi, anche se il nuovo studio non dovrebbe far scattare alcun campanello d’allarme sul miele di oggi, capire come si muovono i contaminanti nucleari è ancora vitale per misurare la salute dei nostri ecosistemi e della nostra agricoltura.

Foto di Steve Buissinne da Pixabay