covid-sintomi
Photo by Clay Banks on Unsplash

Nel corso di questa pandemia, medici e ricercatori hanno prestato attenzione non solo ai quadri clinici che sviluppano i pazienti infetti da SARS-CoV-2, ma anche ai sintomi dopo la loro guarigione. Studi precedenti avevano notato che alcuni sintomi potevano persistere fino a sei mesi dopo la risoluzione dell’infezione. Tuttavia, una nuova ricerca mostra che la loro permanenza nel nostro corpo potrebbe essere più lunga.

L’articolo pubblicato sulla rivista JAMA rivela che una persona su 10 avrà almeno un sintomo, da moderato a grave, di COVID-19 almeno otto mesi dopo la guarigione; tra questi, stanchezza e perdita dell’olfatto e del gusto.

 

Immunità e monitoraggio dei sintomi dopo il recupero da COVID-19

I ricercatori del Danderyd Hospital e del Karolinska Institute hanno avviato uno studio chiamato COMMUNITY per monitorare l’immunità dei pazienti dopo che avevano il COVID-19. Durante la prima fase, hanno raccolto campioni di sangue da 2.149 dipendenti, trovando anticorpi contro il coronavirus in circa il 19% di loro. Da allora, hanno ripetuto i test ogni quattro mesi, oltre ad applicare questionari sui sintomi a lungo termine e sull’impatto che questi hanno avuto sulla loro qualità di vita.

Il terzo follow-up è stato effettuato nel gennaio 2021, momento in cui sono stati campionati 323 operatori sanitari, di cui l’83% erano donne con un’età media di 43 anni.

 

Almeno un sintomo con impatto negativo otto mesi dopo

Questo gruppo è stato confrontato con 1.072 operatori sanitari (l’86% dei quali erano donne, con un’età media di 47 anni) che non avevano sofferto della malattia per tutto questo tempo. Per fare ciò, hanno tenuto conto della presenza autodichiarata di sintomi a lungo termine e del loro impatto sulla loro vita lavorativa, sociale e familiare.

Hanno scoperto che il 26% dei pazienti COVID-19 guariti aveva almeno un sintomo da moderato a grave che durava più di due mesi rispetto al 9% del gruppo di controllo. Mentre l’11% dei sopravvissuti al COVID-19 nello studio ha sperimentato almeno un sintomo con un impatto negativo sulla loro vita lavorativa, sociale o familiare, della durata di almeno otto mesi rispetto al 2% del gruppo di controllo.

 

I sintomi a lungo termine più comuni di COVID-19

Charlotte Thålin, medico specialista, Ph.D. e ricercatore principale dello studio COMMUNITY presso il Danderyd Hospital e il Karolinska Institutet, osserva che i sintomi a lungo termine più comuni in questo gruppo erano perdita dell’olfatto, del gusto, affaticamento e problemi respiratori. Fortunatamente, non sembrano esserci segni di persistenza di sintomi più gravi dopo il recupero da COVID-19.

Le statistiche dei primi mesi della pandemia suggerivano che i bambini e i giovani sembravano avere qualche vantaggio nel riprendersi dall’infezione. Tuttavia, più di un anno dopo la comparsa del virus, i medici sostengono che il coronavirus di solito non discrimina tra le età.

Gli studi dimostrano che l’infezione ha sicuramente effetti a lungo termine che variano notevolmente tra le persone. Fino ad ora, questi possono persistere fino a otto mesi dopo il recupero; Ma lo studio COMMUNITY continuerà a monitorare i sopravvissuti per studiare più da vicino la perdita dell’olfatto e del gusto.