Google Guacamole
Foto di Hebi B. from Pixabay

A differenza di altri sviluppatori le funzioni ancora non completate da Google si presentano costantemente negli aggiornamenti, suggerendo nuovi elementi. A seguito di un aggiornamento su Android ha evidenziato una nuova funzione, denominata Guacamole, in grado di attivare l’Assistente senza pronunciare le famose parole “Ehi, Google”.

La funzione Guacamole appare nell’app Google beta 12.5 con Android 11, dicono i rapporti, sotto l’elenco delle impostazioni dell’assistente principale. Guacamole ci consente di dire semplicemente “interrompi”, “posticipa”, “rispondi alla chiamata” e “rifiuta la chiamata” senza dover prima dire “Ehi, Google”.

 

Una nuova funzione annunciata da Google, arriva Guacamole

Diverse fonti riferiscono che la funzione verrà implementata con la versione beta di Google Assistant 12.5. Nell’impostazione, che è descritta come scorciatoia vocale, Google scrive che la funzione consente di eseguire “attività rapide” senza pronunciare la “Okay Google”. L’abilitazione della funzionalità richiede che gli utenti siano consapevoli delle condizioni associate alla funzionalità.

Una volta che Google renderà la funzione disponibile al di fuori del suo programma per gli utenti di Google, dovrebbe essere possibile gestire timer, sveglie e telefonate senza pronunciare la parola chiave. Per Google, non è il primo esperimento per far funzionare l’assistente senza parole chiave: i proprietari degli altoparlanti intelligenti di Google, come Nest Hub e Google Home, sono stati in grado di disattivare gli allarmi dal 2019 gridando Stop all’altoparlante o al loro schermo intelligente. Tuttavia, è la prima volta per Google che offrirà più scorciatoie per gli smartphone. Non è noto se la società offrirà più scorciatoie dopo la divulgazione di Guacamole.

Attualmente, Google sta testando la funzione principalmente con utenti interni. Quindi, non sembra essere stata l’intenzione per una beta dell’assistente ampiamente disponibile per ottenere l’accesso all’impostazione dei collegamenti vocali.

Foto di Hebi B. from Pixabay