fifa
Photo by JESHOOTS.COM on Unsplash

Il calcio di oggi, quello nel quale è stato scongiurato l’avvento della Superlega, è fatto sempre di più di dati, statistiche e dimostrazioni scientifiche del rendimento dei giocatori. E, come conseguenza della grande attenzione nei dettagli, sono vari i videogiochi che hanno fatto tendenza basandosi proprio sul calcio. Tra i più importanti spiccano senza dubbio FIFA e Football Manager, i quali permettono ai gamer di vivere le esperienze più vicine al calcio vero, sia dal punto di vista del gioco in sé sia per quanto riguarda l’aspetto manageriale. In entrambi i giochi, i giocatori con più futuro nelle modalità carriera sono quelli che attualmente comandano la classifica cannonieri della Champions League e detengono una serie di record di goal importanti: parliamo di Kylian Mbappé ed Erling Haaland, i quali militano rispettivamente nel Paris Saint Germain e nel Borussia Dortmund.

Per quanto riguarda FIFA, il principale simulatore del gioco del calcio a livello virtuale e il gioco più comprato in assoluto nel panorama sportivo, sia l’attaccante norvegese del Borussia Dortmund sia quello francese del Paris Saint-Germain rappresentano dei valori sicuri per velocità, concretezza e affidabilità. Haaland, che è il favorito alla vittoria del titolo di capocannoniere del principale torneo europeo secondo le scommesse bet365 di Champions League più aggiornate, ha dalla sua una potenza fisica spaventosa accompagnata da una velocità impressionante, oltre ad aver già fatto segnare un record particolare, ossia quello di giocatore più giovane ad aver raggiunto quota 20 goal in Champions: un traguardo davvero disumano visto che lo scandinavo ha raggiunto questa cifra in solo 15 partite. Il caso di Mbappé è invece quello di un attaccante velocissimo e in grado di creare spesso la superiorità numerica nelle transizioni offensive, qualcosa di fondamentale soprattutto negli scontri online, dove la maggior parte dei gamer punta agli ultimi minuti per risolvere la partita. Come spesso accade in questo gioco ormai così diffuso, scegliere un elemento veloce come Mbappé o potente come Haaland può rappresentare una garanzia per il giocatore in questione.

Nell’ambito di Football Manager, invece, le cose sono leggermente diverse. Non potendo controllare direttamente il calciatore con il joypad durante l’incontro, la gestione nel lungo periodo è fondamentale. Anche in questo gioco, tuttavia, poter contare su uno di questi due calciatori giovani e dal futuro roseo rappresenta un lusso per chi vuole intraprendere una carriera di successo con qualsiasi squadra. Diversamente da FIFA, dove l’aspetto manageriale e di gestione è secondario, su Football Manager è fondamentale saper programmare con coscienza piani di allenamento mirati per ogni calciatore, in modo da ottenere il massimo rendimento da ogni singolo elemento della rosa.

Il cambio di paradigma nel calcio moderno, nel quale prevale la velocità e la forza fisica, ha fatto sì che ovviamente anche le sue riproduzioni virtuali si siano adattate. Ed è per questo che sia su FIFA sia su Football Manager contare su un elemento di spicco ha lo stesso valore che nel calcio giocato.