bitcoin-blockchain
Image by Pete Linforth from Pixabay

Se si è tra coloro che pensano che blockchain e Bitcoin siano la stessa cosa, non è da preoccuparsi. Infatti, sono molte le persone che sono solite considerare questi termini come se fossero intercambiabili. Un “errore”, in cui è molto facile incorrere, dato che, oggettivamente, blockchain e Bitcoin risultano essere strettamente correlati. Pur tuttavia, sono differenti tra loro, il che, in modo simpatico, innesca blockchain vs Bitcoin.

Ovviamente, il mezzo più semplice e diretto per focalizzarne le differenze, sta proprio nel determinare, in modo semplice, cosa siano. Una blockchain, parola che letteralmente può essere tradotto come catena di blocchi, è, in termini che sono più che semplici, una sorta di file di computer destinato ad archiviare dei dati. Per chi, invece, predilige spiegazioni semplici ma, magari, un po’ più tecniche, si potrebbe, allora, dire che una blockchain rappresenti una sorta di libro mastro aperto, ovvero, questo significa che, i dati che risultano essere conservati all’interno di una blockchain, sono distribuiti su diversi computer. In sostanza, una blockchain è una specie di libro mastro decentralizzato.

Sulla base di ciò, è facile comprendere che se la blockchain appare essere così trasformativa, lo si deve propriamente a questo decentramento. Ma, facilitiamo, ulteriormente. Come è risaputo, il tradizionale database centralizzato, prevede che i record vengano ad essere elaborati da un amministratore centrale che può essere, ad esempio, un governo oppure una azienda. Invece, l’intera blockchain è assolutamente trasparente e, di conseguenza, i dati vengono ad essere verificati tramite il consenso dell’utente.

Nonostante questa trasparenza, anche se può apparire incredibile, le blockchain sono assolutamente sicure. Nessun trucco o magia, ma, molto più semplicemente, perché un eventuale hacker non si trova a dover fronteggiare un solo e centrale punto di attacco. Si suppone che, giunti a questo punto, si sia sufficientemente spiegato il cosa sia una blockchain.

Eventualmente, il sito https://bitcoinup.io/it potrà aiutare ulteriormente.

La cosa che crea qualche confusione, è il fatto che la tecnologia blockchain, risulta essere stata appositamente sviluppata per il Bitcoin. In sostanza, ci si trova di fronte al fatto che, da un lato, il primo esempio di azione blockchain sia stato Bitcoin e, contemporaneamente, dall’altro lato, non vi sarebbero stati i Bitcoin senza la tecnologia blockchain. Questo intersecato rapporto, perciò, facilita la consuetudine di andare ad utilizzare questi due termini come se fossero interscambiabili. Pur tuttavia, Bitcoin e blockchain, non sono per nulla la stessa cosa.

Se, poi, vi fosse, ancora, qualcuno non molto convito, allora si può accennare al fatto che, sinteticamente, il Bitcoin è considerato come una valuta digitale decentralizzata, ossia un cosiddetto “sistema di pagamento elettronico peer-to-peer”, tramite il quale, un qualsiasi soggetto, potrà andare, velocemente e in assoluta sicurezza, trasferire Bitcoin.

Per di più, lo potrà fare tanto in modo anonimo, quanto senza la più che minima interferenza da parte di autorità quali, ad esempi, banche oppure governi. Ovviamente, nel campo vasto delle criptovalute, Bitcoin è solamente un rappresentativo esempio. Di fatti, come è, oramai, risaputo, vi sono numerose altre criptovalute che si vanno ad alimentare attraverso tecnologia blockchain. In pratica, seppure sia ovvio che Bitcoin vada a utilizzare la sviluppata tecnologia blockchain al fine di poter scambiare valuta digitale, è assolutamente chiaro che la blockchain risulti essere, nel suo complesso, molto più rispetto al semplice Bitcoin.

Questo, non vuol dire che sia meglio, ma, esclusivamente, che la blockchain offre molte più ampie applicazioni. Il fatto che, ancora oggi, si sia facilmente portati ad identificare, in forma quasi esclusiva, un indissolubile legame tra Bitcoin e blockchain, ha, purtroppo, reso un po’ più complesso il fatto di comprendere quanto, effettivamente, siano molto più ampie le sue applicazioni. Infatti, oltre che alimentare quelle che sono identificabili come reti di criptovalute la blockchain ha delle caleidoscopiche potenziali che, ancora oggi, sono tutte da scoprire.

Andando a concludere, è innegabile che, questa tecnologia, in tempi molto brevi, andrà, di fatto, a rivoluzionare anche le metodologie che siamo soliti utilizzare negli affari.