tiroide
Image by S. Hermann & F. Richter from Pixabay

Prima di sapere come la dieta influenza il corretto funzionamento della tiroide e quali alimenti e verdure possiamo consumare per migliorarne la funzione, è importante capire cosa si trova questa ghiandola nel collo. Questa ghiandola produce, dallo iodio, gli ormoni responsabili della regolazione dell’utilizzo e dell’accumulo di energia del corpo. Nello specifico, la ghiandola tiroidea produce due tipi di ormoni, tiroxina o T4 e triiodotironina o T3. L’equilibrio degli ormoni tiroidei è importante per una corretta funzione metabolica.

Da un buon funzionamento della tiroide dipendono, infatti, aspetti importanti come la regolazione della temperatura corporea, il consumo di energia, l’appetito, il sonno e anche il carattere.

 

In che modo la dieta influenza il corretto funzionamento della tiroide?

Quando la ghiandola produce più ormoni di quanto dovrebbe, compare un disturbo noto come ipertiroidismo; mentre la sua produzione carente porta all’ipotiroidismo. Entrambi i disturbi richiedono un trattamento medico specifico, che comprende una serie di modifiche dietetiche volte a mitigare i sintomi che possono manifestarsi quando si verificano questi squilibri ormonali (aumento o perdita di peso, perdita di massa muscolare, affaticamento, ecc.).

 

Ipotiroidismo: cosa mangiare?

La carenza di ormoni tiroidei dà luogo alla comparsa di una serie di sintomi quali una maggiore sensazione di stanchezza, sonnolenza, stipsi e in alcuni casi tendenza al sovrappeso. In questo caso, la dieta non dovrebbe essere troppo lontana da quella consigliata per la popolazione generale. Si dovrebbe seguire una dieta varia ed equilibrata, evitando cibi zuccherini con un alto contenuto di grassi saturi o trans. D’altra parte, il consumo di cibo dovrebbe essere arricchito ricco di fibre, vitamine e sali minerali come verdure, verdure, legumi e frutta.

Infine, è molto importante svolgere regolarmente esercizio fisico e, se si è in sovrappeso, è bene consultare il proprio medico o professionista su quale tipo di dieta dovresti seguire per favorirne la perdita.

 

Quale dieta seguire se soffro di ipertiroidismo

L’ipertiroidismo causa un’altra serie di sintomi diversi, derivati ​​dall’eccesso di ormoni tiroidei. La conseguenza più importante che si verifica è che aumenta il catabolismo nel corpo, e quindi c’è una significativa diminuzione del peso e della massa muscolare.

Questo tipo di persone ha serie difficoltà ad aumentare il proprio peso, quindi le raccomandazioni dietetiche dovrebbero essere incentrate sull’aumentare il consumo di cibi ad alta densità di nutrienti, con l’obiettivo di rallentare e persino aumentare il peso. In questi casi va seguita anche una dieta varia ed equilibrata, enfatizzando il consumo di cibi ad alta densità energetica e proteica come carni magre, uova, latticini integrali, grassi sani. Naturalmente, dovrebbero essere inclusi anche frutta, verdura e legumi e dovrebbe essere fatto esercizio fisico per mantenere e aumentare la massa muscolare.

 

Le alghe fanno bene alla tiroide?

Questo alimento è caratterizzato dal suo alto contenuto di iodio. Sebbene questo, a priori, possa sembrare favorevole a causa dell’elevato deficit che esiste nella popolazione spagnola di questo minerale, non è del tutto vero. La quantità di iodio nelle alghe può superare l’assunzione giornaliera raccomandata di questo minerale fino al 2000%, il che può causare problemi a persone con ipo/ipertiroidismo, bambini e donne in gravidanza.

In caso di problemi alla tiroide, si dovrebbe sempre consultare il medico se è consigliabile o meno consumare questo cibo sporadicamente.

 

La soia ha benefici per la tiroide?

La soia è un legume che si distingue per essere ricco di proteine ​​vegetali e grassi sani come omega 3 e 6, oltre ad altri nutrienti come minerali e vitamine. Nelle persone sane con sufficiente apporto di iodio non ci sono prove che questo legume influenzi la funzione tiroidea, quindi può essere perfettamente inserito in una dieta sana ed equilibrata.

Tuttavia, quando si soffre di ipotiroidismo, è necessario non abusare di questo alimento poiché esistono prove scientifiche che questo legume interagisce con il farmaco contro l’ipotiroidismo, ostacolandone o diminuendone l’assorbimento.

 

Come ci aiutano le piante?

L’unico modo efficace per regolare questa ghiandola è attraverso i farmaci che il medico deve prescrivere. Non ci sono prove sufficienti di un estratto vegetale specifico che possa aiutare a regolare l’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo. Tuttavia, ci sono piante che possono alleviare alcuni degli effetti del disagio che possono causare singhiozzo o ipertiroidismo. Echinacea, valeriana o melatonina (che possono alleviare l’insonnia sofferta da alcune persone con ipertiroidismo), sono alcune di queste.