demenza fattori di rischio
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Un gruppo di ricercatori del Translational Genomics Research Institute (TGen) ha riscontrato che due fattori di rischio compromettono la capacità di apprendere e memorizzare, portando alla demenza. Nello specifico, gli effetti del fumo sono più pronunciati tra le donne, mentre i maschi sono più danneggiati dalle malattie cardiovascolari. I precedenti tentativi di quantificare la funzione cognitiva tra i fumatori e valutare le differenze di sesso hanno prodotto risultati contrastanti. I ricercatori TGen attribuiscono questo alla dimensione limitata dei set di dati precedenti. Analizzando i dati che rappresentano più di 70.000 individui in tutto il mondo, l’attuale studio ha prodotto risultati che indicano tendenze definitive.

 

I due fattori di rischio per la demenza

“Questi risultati suggeriscono che il fumo e le malattie cardiovascolari influiscono sull’apprendimento verbale e sulla memoria per tutta l’età adulta, a partire dall’età di 18 anni”, ha affermato Matt Huentelman, autore principale dello studio. “Il fumo è associato a una diminuzione dell’apprendimento e della funzione di memoria nelle donne, mentre l’apprendimento cardiovascolare è associato a una diminuzione dell’apprendimento e della funzione di memoria negli uomini”.

I risultati di questo studio sono importanti poiché il fumo di sigaretta è la principale causa di malattie e decessi prevenibili della nazione, rappresentando quasi 1 decesso su 5 e le malattie cardiovascolari sono la principale causa di malattia e morte in tutto il mondo, ed è un importante predittore di declino cognitivo e demenza. Le malattie vascolari sono anche associate ad un aumento del rischio di Alzheimer, che è la sesta causa di morte della nazione.