albero
Image by Free-Photos from Pixabay

Il mondo è ancora pieno di domande senza risposta. Alcune di queste cercano di descrivere la possibile vita su altri pianeti oltre il nostro; altre sperano di portare alla luce segreti che una volta erano nascosti. Altre ancora ci aiutano a capire di più sulla nostra mente. In quest’ultima categoria c’è una domanda che potrebbe svelarsi interessante: se un albero cade nella foresta e non c’era nessuno a sentirlo, ha comunque emesso un suono?

Nel tentativo di dare una risposta, si è cercato di stilare le prospettive della scienza e della filosofia, offrendo finalmente una spiegazione che non solo affronti la risposta immediata a questa domanda, ma anche le implicazioni che ha per una comprensione della nostra mente e il modo in cui vediamo, capiamo e interpretiamo il mondo che intorno a noi.

 

Se un albero cade nella foresta e nessuno lo sente, emette un suono?

Probabilmente, se nessuno ascolta, non c’è suono, ma ciò non significa che non ci siano onde sonore o acustiche che abbiano un effetto sull’ambiente. Quindi, la risposta potrebbe essere “no”. Ma è chiaro che questo non copre davvero l’intero fenomeno poiché, sebbene ci sia un’assenza di suono, ci sono onde acustiche che possono interagire con l’ambiente.

 

Ma cos’è veramente il suono?

Facciamo riferimento alla scala di Penrose, in cui la posizione dei gradini fa credere di star stai salendo o scendendo perpetuamente – quando in realtà si sta solo girando. Ma, a causa di quel che si è fatto percepire, la “realtà” considera che c’è movimento. Il cervello crea un’illusione di percezione che non è realmente collegata a stimoli fisici”.

Nel caso della scala Penrose, i nostri sensi ci fanno credere che vediamo e sperimentiamo qualcosa che non accade (una salita o una discesa). Con il suono può succedere lo stesso. Tutto perché la nostra percezione – il momento in cui le particelle vibratorie passano nelle nostre orecchie e queste le “traducono” in picchi di elettricità che si trasferiscono nel cervello – è quel che veramente produce “suoni” agli stimoli acustici.

In altre parole, senza l'”interpretazione” delle nostre orecchie, sarebbero solo particelle vibratorie nell’aria. Quindi senza un orecchio per “tradurre” le onde acustiche dell’albero che cade nel mezzo della foresta, il suo suono semplicemente non potrebbe venire in essere.