rover cinese su Marte
Foto di Corriere.it

Lo scorso fine settimana, il veicolo spaziale cinese Zhurong ha toccato la superficie di Marte, segnando una nuova pietra miliare per il programma spaziale del Paese. Tuttavia, potremmo dover aspettare un po’ prima di vedere le prime immagini del rover cinese su Marte. Lunedì scorso la China National Space Administration ha rilasciato una dichiarazione nella quale conferma l’atterraggio, che fa parte della missione Tianwen-1, il primo tentativo della Cina di raggiungere la superficie di un altro pianeta. Il vicedirettore della CNSA Wu Yanhua ha dichiarato al quotidiano statale China Daily che Zhurong eseguirà la diagnostica e si muoverà dalla sua piattaforma di atterraggio nei prossimi giorni, aggiungendo che gli scienziati si aspettano di ricevere le sue prime fotografie intorno alla fine di maggio.

 

Ecco perché il rover cinese su Marte tarderà a inviare le immagini

Sebbene alcuni appassionati di astronomia abbiano espresso sui social media la propria preoccupazione per la mancanza di immagini da Zhurong, il giornalista Andrew Jones, che si occupa del programma spaziale della Cina, ha suggerito su Twitter che il ritardo potrebbe essere dovuto in parte al fatto che si tratta del primo rover cinese sul Pianeta Rosso. Pertanto, non c’è ancora motivo di preoccuparsi della salute del rover; le comunicazioni tra Marte e la Terra possono essere complicate e richiedere molto tempo. La navicella cinese Tianwen-1 è in orbita intorno al pianeta e fungerà da relè per il rover.

L’atterraggio è un nuovo fiore all’occhiello del programma spaziale cinese, che negli ultimi anni ha registrato anche l’atterraggio della missione Chang’e 4 sul lato più lontano della luna, il trasporto di rocce lunari sulla Terra con la missione Chang’e 5 e il lancio del modulo centrale di una nuova stazione spaziale in aprile. Nonostante tutti gli appassionati siano in trepidante attesa della pubblicazione dei primi scatti, di certo varrà la pena attendere, soprattutto mentre si gustano le immagini della sonda Tianwen-1, che offre una vista più ampia della superficie di Marte.