bitcoin
Foto di Karolina Grabowska da Pexels

La società di asset digitali Galaxy Digital ha pubblicato un rapporto in cui afferma che Bitcoin è più del doppio del sistema bancario internazionale. Galaxy Digital ha pubblicato un rapporto che confronta il consumo di energia di Bitcoin e la finanza tradizionale. Sebbene i risultati favoriscano Bitcoin, alcuni dei dati sono tutt’altro che conclusivi.

Secondo un rapporto pubblicato questo mese dalla società di asset digitali Galaxy Digital, il sistema bancario mondiale utilizza più energia di Bitcoin.

Data la trasparenza di Bitcoin, è facile stimare l’utilizzo di energia di Bitcoin“, si legge nel rapporto, aggiungendo: “Ciò si traduce in frequenti critiche nei confronti di Bitcoin, ma queste critiche sono raramente imposte ad altre industrie tradizionali“.

A tal fine, il rapporto confronta il consumo di energia di Bitcoin con i pagamenti, i risparmi e gli insediamenti tradizionali, nonché l’identità dell’oro come riserva di valore non sovrana.

Guidata dal CEO Mike Novogratz, Galaxy Digital è una società di gestione patrimoniale che opera nei settori delle risorse digitali, delle criptovalute e della blockchain.

In mezzo al dibattito in corso sul consumo di energia di Bitcoin, stimolato dalla recente inversione di marcia di Elon Musk su Bitcoin, Galaxy Digital è arrivato in difesa di Bitcoin. Nonostante tutte le polemiche Bitcoin rimane stabile, e si potrebbe approfittare di questo moment per investire in piattaforme affidabili, facendo sicuro di leggere le recensioni, come ad esempio: bitcoin revolution recensioni.

L’uso di energia di Bitcoin Nel Contesto

Il rapporto fa alcune stime preliminari sul consumo di energia di Bitcoin.

Afferma che alla data di pubblicazione, il 13 maggio 2021, la rete Bitcoin ha consumato un totale stimato di 113 terawattora (TWh) all’anno. TWh è un’unità di energia pari a una produzione di un trilione di watt all’ora e viene utilizzata per monitorare il consumo energetico annuale di interi paesi.

Queste cifre non sono sufficienti, tuttavia, per fare un confronto diretto tra i due sistemi.

A differenza della rete Bitcoin, che copre tutto, dalle operazioni di mining all’elaborazione delle transazioni, il settore bancario è costituito da data center bancari, filiali bancarie, bancomat e reti di carte. Galaxy Digital ha anche escluso le banche centrali dalla sua analisi.

Anche se il sistema bancario non riporta direttamente i dati sul consumo di elettricità, Galaxy Digital afferma che il sistema bancario utilizza circa 263 TWh di energia ogni anno, più del doppio della quantità di energia consumata dalla rete Bitcoin.

Allo stesso modo, il rapporto afferma che BTC non è ad alta intensità energetica come l’oro, che secondo le stime di Galaxy Digital consuma circa 240 TWh all’anno. Il rapporto è arrivato a questa cifra convertendo le emissioni di gas serra stimate dall’industria dell’oro e convertendole in una cifra TWh utilizzando un convertitore fornito dall’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

Il Punto Di Vista Di Galaxy Digital

Secondo il Bitcoin Electricity Consumption Index della Cambridge University, Galaxy Digital ha notevolmente sottostimato il consumo di energia di Bitcoin.

Oggi, si stima che la rete Bitcoin consumi circa 144 TWh all’anno, ben oltre la cifra di 113 TWh citata dalla società di asset digitali. Questa cifra colloca comodamente BTC tra i primi 30 paesi del mondo per consumo energetico.

Il rapporto afferma inoltre che Bitcoin può avvantaggiare il settore energetico creando “casi d’uso perfetti” per l’energia intermittente e in eccesso. Sebbene ciò sia vero in teoria, i dati mostrano che BTC non sta effettivamente incentivando l’uso di energia intermittente e in eccesso.

Secondo l’Università di Cambridge, solo il 39% della rete Bitcoin è alimentata da energia rinnovabile. Questa cifra è contestata, spesso facendo appello alla stima di Coinshares secondo cui oltre il 75% della rete utilizza energia rinnovabile.

Tuttavia, il mese scorso, una miniera di carbone in Cina è stata allagata ed è stata costretta a chiudere. Ciò ha causato un calo del tasso di hash di Bitcoin a livelli non visti da novembre 2020, fornendo una chiara indicazione che l’industria mineraria di Bitcoin è ancora fortemente dipendente dai combustibili fossili.

L’attuale ossessione della Cina per le centrali a carbone, nonostante le promesse di emissioni di gas serra, significa che alcuni minatori possono trarre vantaggio dal potere ‘sporco’ a buon mercato in alcune regioni“, disse a Decrypt Jason Deane, analista di Bitcoin presso Quantum Economics, all’epoca.

Anche l’affermazione principale di Galaxy Digital, che BTC è meno dispendiosa in termini di energia rispetto alle banche internazionali, è oggetto di dibattito.

In un post di Hacker Noon del 2017, Carlos Domingo, CEO della società di conformità crittografica Securitize, ha suggerito che tutti i server di dati bancari, le filiali bancarie e gli sportelli automatici ammontassero a circa 100 TWh all’anno, ben lontano dalla cifra di 263 TWh citata dal digitale società di beni.

Ma come dice Galaxy Digital, la risposta al fatto che BTC valga o meno i suoi costi energetici è soggettiva. Il rapporto conclude:

Quindi, se torniamo un’ultima volta alla domanda originale: il consumo di elettricità della rete Bitcoin è un uso accettabile di energia? La nostra risposta è definitiva: sì“.

Resta il fatto che Bitcoin consuma un’immensa quantità di energia – ben oltre la maggior parte dei paesi del mondo – e in base all’indice dell’Università di Cambridge, la domanda sembra che stia solo aumentando.