crollo-bitcoin
Foto di Worldspectrum da Pexels

L’ex idolo del mondo delle criptovalute, Elon Musk, l’iconico capo dell’azienda automobilistica Tesla, ora sembra essere considerato un nuovo Giuda da questi mercati. I fondatori di “StopElon” affermano addirittura di avere l’ambizione di aumentare il prezzo della loro nuova criptovaluta con l’obiettivo di acquistare azioni Tesla ed espellere il suo leader.

I Bitcoin, come sappiamo, sono raggiungibili su una infinita scelta di siti online. Tra questi, ad esempio, il sito web ufficiale Immediate Edge. In questi giorni migliaia di investitori, privati ​​e soprattutto istituzioni, hanno rivenduto in gran numero i Bitcoin che detenevano su una delle piattaforme dedicate.

 

L’influenza di Elon Musk e della Cina

Elon Musk aveva acceso la miccia annunciando che non sarebbe stato più possibile pagare i suoi veicoli in Bitcoin quando, a marzo, era andato nella direzione opposta. Aveva anche insinuato che Tesla avrebbe potuto rivendere tutti i suoi Bitcoin. Il motivo addotto? La loro nocività per il pianeta, visto che le transazioni che li utilizzano richiedono un elevato consumo di elettricità. “Una criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo in questo futuro promettente ma non dovrebbe essere fatto con un costo elevato per l’ambiente“, ha dichiarato colui che si occupa anche dei progetti spaziali di SpaceX.

Anche la Cina sembra aver avuto un ruolo negli eventi. Mentre il Paese è sul punto di lanciare uno yuan digitale, i suoi leader hanno effettivamente annunciato che vieteranno alle istituzioni finanziarie di utilizzare le criptovalute.

 

Darknet e ransomware

La questione dell’etica delle criptovalute rimane strettamente legata alla natura e allo stesso funzionamento di questi asset. In effetti, le valute virtuali non sono associate ad alcuna autorità o istituzione governativa. Il sistema Bitcoin è stato persino progettato esplicitamente per evitare di fare affidamento su intermediari di fiducia tradizionali, come le banche, e sfuggire alla tutela della banca centrale. Il valore di una valuta virtuale riposa quindi in linea di principio interamente sulla fiducia e l’onestà dei suoi utenti, nonché sulla sicurezza di un algoritmo in grado di tracciare tutte le transazioni.

Tuttavia, a causa del loro anonimato, dell’assenza di normative rigorose e della mancanza di infrastrutture, le criptovalute sembrano anche attrarre gruppi di individui che cercano di utilizzarle in modo fraudolento. Le preoccupazioni normative riguardano in particolare il loro utilizzo nel commercio illegale (droga, pirateria e furto, pornografia illegale), attacchi informatici, potenziale finanziamento del terrorismo, riciclaggio di denaro e evasione fiscale.

Le attività illegali rappresentavano quindi non meno del 46% delle transazioni di Bitcoin nel periodo 2009-2017, che in questo periodo pesa circa 76 miliardi di dollari all’anno. Uno degli esempi più noti di criminalità informatica legata all’uso delle criptovalute oggi rimane la “Via della Seta”. In questo mercato nero online dedicato alla vendita di farmaci sulla darknet, la parte di Internet accessibile solo con protocolli specifici, i pagamenti venivano effettuati esclusivamente in criptovalute.

Le criptovalute hanno anche facilitato la diffusione di attacchi ransomware, malware che bloccano l’accesso delle aziende ai propri dati, sbloccati solo dietro pagamento di un riscatto in criptovaluta.

 

Attività ad alta intensità energetica

Le principali criptovalute utilizzano una grande quantità di elettricità per il mining, ovvero le operazioni informatiche utilizzate per produrle e convalidare le transazioni. In effetti, le due principali valute virtuali, Bitcoin ed Ethereum, richiedono calcoli complicati che sono estremamente ad alta intensità energetica.

Per i Bitcoin, il picco di consumo energetico era compreso tra 60 e 73 TWh nell’ottobre 2018. Su base annualizzata, a metà aprile 2021, queste cifre erano approssimativamente tra 50 e 120 TWh, più del consumo di energia di un Paese come il Kazakistan.

 

Come raggiungere un equilibrio?

Esistono soluzioni per ridurre i costi e l’impatto energetico dei Bitcoin, come l’utilizzo di energia verde o l’aumento dell’efficienza energetica dei computer minerari. Tuttavia, la tecnologia informatica deve ancora migliorare in questa direzione. Soprattutto, la remunerazione dei miners per sbloccare i prossimi Bitcoin e convalidare le transazioni dovrebbe diminuire in futuro, costringendoli a consumare più energia per garantire lo stesso livello di reddito.

Gli iniziatori di questa tecnologia credono che l’innovazione rappresentata dai Bitcoin promuova un mercato globale libero e colleghi finanziariamente il mondo. Tuttavia, è ancora difficile oggi trovare un equilibrio tra la promozione di tecnologie innovative e la prevenzione della criminalità e il relativo impatto ambientale.