titanic
Image by S. Hermann & F. Richter from Pixabay

Un team di ricercatori sta cercando di svelare un mistero che coinvolge una lettera scritta da una giovane donna a bordo del Titanic alla vigilia del naufragio. Una famiglia ha trovato la lettera in una bottiglia sigillata sepolta su una spiaggia a Hopewell Rocks, Baia di Funday, nella provincia canadese del New Brunswick, quattro anni fa. La lettera, datata 13 aprile 1912, è scritta in francese e firmata da Mathilde Lefebvre, 13 anni.

Sto buttando questa bottiglia in mare nel mezzo dell’Atlantico. Dovremmo essere a New York tra pochi giorni. Se qualcuno la trova, fallo sapere alla famiglia Lefebvre a Liévin”, si legge nella lettera di cui, finora, si era ignorata l’esistenza.

Liévin, nel Pas-de-Calais, era la regione francese da cui provenivano Mathilde e la sua famiglia. La giovane donna era una passeggera di terza classe con sua madre, Marie Daumont, e tre dei suoi fratelli. La famiglia si sarebbe unita al padre, Franck Lefebvre, che aveva lasciato la Francia due anni prima per emigrare in America con gli altri figli. Questa la ricostruzione del team dell’Università del Quebec a Rimouski (UQAR) che sta esaminando la lettera.

 

Una tragedia “romantica”

L’RMS Titanic, gestito dalla White Star Line, affondò nell’Oceano Atlantico settentrionale il 15 aprile 1912, dopo aver colpito un iceberg durante il suo viaggio inaugurale da Southampton a New York City.

Mathilde e la sua famiglia erano tra le 1.500 persone che sono morte.

Il team ha studiato la composizione chimica della bottiglia, del tappo, della carta e dell’inchiostro. Inoltre, ha analizzato le correnti ei processi di erosione che sarebbero necessari affinché la bottiglia si arenasse e venisse sepolta. Gli investigatori hanno concluso che, materialmente, la bottiglia e il suo contenuto non erano incompatibili con la data scritta nella lettera, ma spera che il pubblico possa aiutare con alcune domande senza risposta. “Questo è, ovviamente, un documento molto prezioso. Siamo certi che la carta da lettere e la bottiglia siano materiali anteriori al 1912”, ha detto l’archeologo Manon Savard.

In passato, sono state trovate lettere presumibilmente scritte sul Titanic che, in seguito, si sono rivelate false. Questo è il motivo per cui il team è cauto quando afferma categoricamente che il messaggio proveniva dal tempo dello storico naufragio che ha incuriosito il pubblico per più di un secolo e ha ispirato un film. “Vorremmo tutti credere a questa storia, ma abbiamo diversi dubbi sull’autenticità di questa lettera“, ha detto Savard.

Tra questi, se la grafia possa essere simile a quella che i bambini francesi producevano all’epoca. Ci sono anche dubbi sulle possibilità che una bottiglia della nave abbia colpito la riva su una spiaggia canadese. “Le correnti marine rendono altamente improbabile che un oggetto galleggiante sia andato alla deriva dal Nord Atlantico alla Baia di Fundy [nel New Brunswick]“, ha detto Savard, “Non è impossibile, ma è improbabile“.

Uno degli archeologi, Nicolas Beaudry, ha detto che ci sono ancora parenti della famiglia Lefebvre ad Aix-en-Provence, in Francia, che avevano “un impegno emotivo per questa lettera“. “Questo cimelio è molto commovente. Naturalmente, la famiglia in Francia è tentata di credere. Penso che anche tutti vogliano che questo sia vero”, ha concluso.