crollo-bitcoin
Image by WorldSpectrum from Pixabay

Una dichiarazione pubblicata sul sito web dell’Associazione bancaria cinese ha affermato che le istituzioni finanziarie dovrebbero “astenersi risolutamente” dal fornire servizi utilizzando valute digitali a causa della loro volatilità.

E’ cosa ormai nota il fatto che i Bitcoin siano crollati di oltre il 7% a circa 40.310 dollari per moneta. La maggior parte delle criptovalute ha perso tra il 7% e il 22% del proprio valore e le azioni di Coinbase sono scese del 5,4%.

Non è insolito che il valore di Bitcoin cambi di migliaia di dollari in un breve periodo di tempo, sebbene le oscillazioni per un totale di circa 20.000 dollari in un giorno siano estreme. L’ultimo giorno di negoziazione del 2020, Bitcoin ha chiuso poco meno di 30.000 dollari.

Anche i privati possono investire nei Bitcoin. E non è insolito il loro intraprendere quest’avventura su una delle tante piattaforme disponibili online, come ad esempio Pattern Trader.

 

Elon Musk non ha un ruolo?

Sì, e abbastanza grande. Musk ha annunciato a febbraio che la sua azienda di auto elettriche Tesla aveva investito 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin. A marzo, Tesla ha iniziato ad accettare Bitcoin come pagamento. Queste azioni hanno contribuito all’aumento del prezzo di Bitcoin e Musk ha anche promosso la valuta digitale Dogecoin, che ha anche registrato un picco di valore.

Tuttavia, Musk ha invertito la rotta in breve tempo, affermando la scorsa settimana che Tesla avrebbe smesso di accettare Bitcoin a causa del potenziale danno ambientale che può derivare dall’estrazione di Bitcoin. L’annuncio ha fatto scendere Bitcoin sotto i 50.000 dollari e ha dato il senso del tono di ritiro nella maggior parte delle criptovalute.

Un certo numero di fan di Bitcoin ha respinto il ragionamento di Musk. Il collega miliardario Mark Cuban ha affermato che l’estrazione dell’oro è molto più dannosa per l’ambiente rispetto all’estrazione di Bitcoin. Uno studio del 2019 della Technical University di Monaco e del Massachusetts Institute of Technology ha rilevato che la rete Bitcoin genera una quantità di CO2 simile a quella di una grande città occidentale o di un intero Paese in via di sviluppo come lo Sri Lanka. Ma uno studio dell’Università di Cambridge dello scorso anno ha stimato che in media il 39% del mining di criptovalute è stato alimentato da energia rinnovabile, principalmente energia idroelettrica.

C’è scetticismo nei confronti dei Bitcoin? Sì, in abbondanza. Tracciare il prezzo dei Bitcoin è ovviamente più facile che cercare di capire il suo valore, motivo per cui così tante istituzioni, esperti e commercianti sono scettici e sulla criptovaluta in generale.