ricerche Nobel tecnologia
Foto di Università di Berkeley via The New York Times

Ci saranno persone disposte a comprare documenti universitari antichi? Quanto sono disposti a spendere? L’università di Berkeley spera tanto e ha deciso di scoprirlo. Metterà all’asta il primo di due pezzi d’arte digitale noti come NFT. L’oggetto offerto si basa su un documento chiamato invenzione e divulgazione della tecnologia. Riguarda il modulo che i ricercatori compilano per avvisare di potenziali ricerche che possono diventare brevetti redditizi.

Un’opera che include 10 pagine che documentano l’invenzione di un nuovo trattamento per il cancro sviluppato da James P. Allison, un immunologo che ha ricevuto il Premio Nobel per la Medicina nel 2018 per il suo lavoro. Ha trovato un modo per spegnere l’avversione del sistema immunitario ad attaccare i tumori e ha dimostrato che funzionava nei topi.

 

Ora è possibile comprare pezzi di ricerche che hanno vinto il Premio Nobel

Progredendo con la ricerca si è arrivati poi alla scoperta di un farmaco, Yervoy, per il trattamento del melanoma metastatico. Prima della scoperta del dottor Allison, il cancro veniva trattato con chirurgia, radioterapia, chemioterapia e trattamenti ormonali. Il comitato del Nobel ha valutato il risultato di questo studio come l’istituzione di un principio completamente nuovo per la terapia del cancro.

Il professore ha decifrato esattamente come le cellule stavano interagendo in modo da poter mettere a punto i metodi per controllare il sistema immunitario. Gli inibitori del checkpoint non funzionano per tutti e sono stati approvati solo per alcuni tipi di cancro. Possono avere gravi effetti collaterali e sono costosi. L’immunoterapia è diventata un pilastro del trattamento per un certo numero di tipi di cancro e sono in corso moltissime ricerche, tra cui il lavoro del dott. Allison, per trovare i modi migliori per combinare il checkpoint inibitori tra loro e con trattamenti standard per aiutare più pazienti.

Gli inibitori del checkpoint ora sul mercato sono utilizzati per i tumori del polmone, del rene, della vescica, della testa e del collo; per il melanoma aggressivo del cancro della pelle; e per il linfoma di Hodgkin e altri tumori. Un’asta di 24 ore dell’NFT della divulgazione dell’invenzione del Dr. Allison avrà luogo già il 2 giugno utilizzando Foundation, un mercato di aste NFT che utilizza Ethereum, la rete di criptovaluta scelta dai collezionisti di NFT.

 

Nuove tecnologie per combattere il cancro

Il Dr. Allison e il Dr. Honjo, lavorando separatamente, hanno mostrato negli anni ’90 come alcune proteine ​​agiscono come freni sulle cellule T del sistema immunitario e limitano la loro capacità di attaccare le cellule tumorali. Sopprimere quelle proteine potrebbe trasformare la capacità del corpo di combattere il cancro. I linfociti T, un tipo di globuli bianchi, sono talvolta chiamati i soldati del sistema immunitario.

Combattono le infezioni e il cancro, ma le cellule maligne possono eluderli. Le cellule T trasportano molecole chiamate checkpoint, che il corpo usa per spegnere le cellule quando ha bisogno di fermarle. Le cellule cancerose possono bloccare quei checkpoint, paralizzando le cellule T e impedendo loro di combattere la malattia. L’ottantacinque per cento del ricavato andrà a Berkeley per finanziare la ricerca, il resto alla Fondazione. Se il pezzo viene successivamente rivenduto, Berkeley riceverà il 10% della vendita e la Fondazione il 5%.

Foto di Università di Berkeley via The New York Times