bitcoin.cina
Image by 5933179 from Pixabay

Bitcoin non riesce a prendersi una pausa. L’attacco continua. In Cina, i minatori corrono per il loro sostentamento. Il paese ha promesso la neutralità del carbonio entro il 2060 e sembrano pensare che l’estrazione di Bitcoin sia sulla sua strada.

Sono allo studio anche i rischi inerenti al trading con leva. Questa è la prima volta che un membro di alto rango del governo cinese esprime la determinazione ad agire. Rapporti Reuters:

Un comitato del Consiglio di Stato guidato dal vice premier Liu He ha annunciato la repressione nella tarda serata di venerdì come parte degli sforzi per respingere i rischi finanziari.

Secondo il servizio di notizie, il pool minerario BTC.TOP ha annunciato l’immediata sospensione delle attività in Cina e ha espresso la possibilità di trasferirsi in Nord America.

L’operazione di mining di criptovalute HashCow ha adottato un approccio più morbido, hanno solo affermato che non avrebbero acquistato alcuna nuova attrezzatura mineraria. E il servizio di mining pool di Huobi ha smesso di servire il pubblico cinese. Rapporti Bitcoinist:

La piattaforma di trading sta ora interrompendo alcuni dei suoi servizi in Cina. L’elenco include la maggior parte delle funzionalità di negoziazione di derivati della borsa, tra cui negoziazione di contratti futures, prodotti di investimento con leva finanziaria e prodotti negoziati in borsa“.

In una dichiarazione, un portavoce di Huobi ha affermato che i suoi limiti consentirebbero alla società di “concentrarsi sull’espansione della [sua] presenza all’estero“. La borsa ha anche sospeso le vendite dei suoi prodotti minerari.

Huobi è uno scambio di criptovalute ex cinese che “ha trasferito le sue operazioni all’estero a Hong Kong, Singapore e Corea del Sud, tra gli altri” nel 2017. L’anno in cui la Cina ha vietato gli scambi di criptovaluta. Anche se è già successo in passato, questa nuova repressione è una sorpresa. Solo il mese scorso, il governo cinese sembrava ottimista sulle criptovalute.

Un Cambiamento Di Cuore o Il Loro Piano Da Sempre?

Il sito NewsBTC ha riferito con entusiasmo che “un funzionario del governo cinese ha riconosciuto il valore di Bitcoin e di altre criptovalute“. Il messaggio ora sembra minaccioso e carico.

Il vicegovernatore della Banca popolare cinese, Li Bo, ha definito queste risorse una parte importante del futuro al Forum Boao per l’Asia, secondo un rapporto di Colin Wu.

Bo ha affermato che Bitcoin e criptovalute dovrebbero essere considerati investimenti alternativi e ha rivelato che la Cina sta studiando politiche normative nei confronti di questi asset. La Cina infatti sta creando nuove valute digitali come la moneta Yuan del yuan pay group, lasciando intendere che non chiude la porta all’esistenza delle criptovalute.

È evidente ora che “studiare le politiche normative” era la parte importante della dichiarazione di Bo.

BTC.TOP sta migrando in Nord America?

Il mining pool, noto anche come Lebit Mining, è già chiuso in Cina. Il suo operatore, Jiang Zhuoer, ha insinuato che si stavano trasferendo negli Stati Uniti secondo Coingape. Nel post del blog Weibo che riproducono, Zhuoer ha detto:

L’estrazione mineraria in Cina può passare da miner di grandi dimensioni a familiari, anche se il 50% delle macchine minerarie non funziona, non ci sono problemi per il sistema Bitcoin. Ma i migliori pool minerari possono diventare pool minerari europei e americani

Il messaggio principale del post sul blog è che Zhuoer ritiene che sia l’estrazione che l’utilizzo di Bitcoin rimarranno consentiti nella Cina continentale, ma solo per piccole operazioni e privati cittadini. Non è consentito partecipare al capitale finanziario. Tuttavia, pensa che il governo darà loro la possibilità di trasferirsi altrove e non confischerà le loro macchine.

Quei minatori vendono i loro BTC?

La risposta breve è: probabilmente. Ieri pomeriggio, l’investitore e analista Nic Carter ha rilevato attività insolite durante il monitoraggio della blockchain.

Questa è stata probabilmente la parte meno interessante del grande thread di Yilham sull’argomento, che ha concluso: “Sotto questa crisi attuale, ci sarà un’enorme opportunità: la ridistribuzione dell’intera rete di mining di Bitcoin in tutto il mondo. Dobbiamo assicurarci che la maggior parte delle macchine minerarie non arriverà in un singolo paese“.

Questa opportunità ti attira, caro lettore? Sei pronto a fare la tua parte?