grassi omega 3 benefici
Foto di Elias Shariff Falla Mardini da Pixabay

Gli acidi grassi di Omega 3 sono un di gruppo grassi polisaturi essenziali per la salute umana. Le forme più utilizzate provengono dai pesci grassi di acqua fredda come salmone, aringa e sardina. Molte volte si possono trovare anche nelle fonti vegetali, tra cui semi di chia, noci e semi di lino. Come sappiamo sono necessari per il mantenimento della normale funzione cerebrale, della funzione cardiaca e della vista.

Questi acidi sono indispensabili per chi corre in quanto, grazie ai loro effetti antinfiammatori contribuiscono a ridurre l’indolenzimento muscolare, aumentando il flusso sanguigno. Scopriamo insieme perché molti non hanno ottimi livelli di Omega 3 e scopriamo quali benefici possono portare al nostro organismo.

 

Cosa sono i grassi Omega 3 e quali sono i suoi benefici per la nostra salute

Molte persone sono spesso carenti di Omega 3 poiché non assumono abbastanza fonti nel loro piano alimentare. Le fonti migliori sono sicuramente il pesce azzurro, ma avvolte la qualità del pesce non è delle migliori. I nostri antenati molto lontani consumassero molti più omega-3 di quanto facciamo oggi a causa delle condizioni più fresche; gli animali avevano bisogno di proteggersi di più dal clima, quindi i pesci conservavano livelli più elevati di grasso, fornendo quantità maggiori quando i nostri antenati li mangiavano.

La qualità e la quantità dei grassi sono influenzate da ciò che il pesce ha mangiato. Di conseguenza, il fatto che un pesce d’allevamento sia stato nutrito con cibo buono e nutriente o con alternative più economiche influirà sulla qualità. Esistono fonti non ittiche facilmente disponibili di omega-3, ma queste non forniscono le forme attive di EPA e DHA, di cui sono formati gli Omega 3. Ciò significa che al nostro corpo viene lasciato il compito di convertire gli omega-3 nella sua forma attiva e l’efficacia con cui ciò viene eseguito varia da persona a persona.

 

Omega 6 e gli effetti negativi

Oltre a non assumere abbastanza Omega 3, ma soprattutto in Occidente assumiamo molto Omega 6. È un grasso essenziale, ma la fonte primaria nella nostra dieta è sotto forma di oli vegetali presenti in molti alimenti trasformati. Questi grassi di bassa qualità significano che il nostro rapporto omega 3:6 non è favorevole quando si tratta di sostenere la nostra salute.

Per equilibrare al meglio i livelli dobbiamo assumere almeno tre volte a settimana il pesce azzurro e le opzioni alternative includono l’aggiunta di un cucchiaio di semi di lino nel frullato o la copertura dell’insalata con alcuni pezzi di noce. È sempre consigliato assumere integratori di Omega 3 anche se ne consumiamo già nella nostra dieta. Scegliere un integratore di qualità.

Foto di Elias Shariff Falla Mardini da Pixabay