fegato-diabete
Image by Tesa Robbins from Pixabay

La maggior parte delle persone che hanno il diabete di tipo 2 soffre anche di obesità. Quindi, un team di ricercatori ha cercato di capire questa correlazione e trovare una risposta che potesse affrontare il problema. La chiave potrebbe essere nel fegato.

Benjamin Renquist, autore dello studio pubblicato sulla rivista Cell Reports, ha passato gli ultimi nove anni a cercare di capire la correlazione tra obesità, steatosi epatica e diabete, concentrandosi sul tentativo di capire come il fegato influenzi la sensibilità all’insulina. “L’obesità è nota per essere la causa del diabete di tipo 2 e sappiamo da molto tempo che la quantità di grasso nel fegato aumenta proprio con l’obesità“, afferma Renquist, aggiungendo che “con l’aumento del grasso nel fegato, anche l’incidenza del diabete aumenta”.

 

Lo studio sul fegato grasso

Per comprendere meglio questa correlazione, il team di esperti si è concentrato sullo studio del fegato grasso, misurando i neurotrasmettitori rilasciati dal fegato in modelli animali di obesità, per capire meglio come il fegato comunica con il cervello per influenzare i cambiamenti metabolici osservati nell’obesità e nel diabete.

Abbiamo scoperto che il grasso nel fegato aumenta il rilascio del neurotrasmettitore inibitorio acido gamma-aminobutirrico, o GABA“, afferma Renquist. “Successivamente, abbiamo identificato il percorso attraverso il quale stava avvenendo la sintesi del GABA e l’enzima chiave responsabile della produzione di GABA nel fegato – GABA transaminasi“, spiega.

Un amminoacido naturale, il GABA, è il neurotrasmettitore inibitorio primario nel sistema nervoso centrale, il che significa che riduce l’attività nervosa. “Quando il fegato produce GABA, diminuisce l’attività dei nervi che vanno dal fegato al cervello. Quindi, il fegato grasso, producendo GABA, sta diminuendo l’attività di attivazione per il cervello“, afferma Renquist, spiegando che “questa diminuzione dell’attivazione viene rilevata dal sistema nervoso centrale, che modifica i segnali di uscita che influenzano l’omeostasi del glucosio“.

Per determinare se l’aumento della sintesi di GABA nel fegato stava causando la resistenza all’insulina, il team ha inibito farmacologicamente la GABA transaminasi epatica in modelli animali di diabete di tipo 2. “L’inibizione dell’eccessiva produzione di GABA nel fegato ha ripristinato la sensibilità all’insulina in pochi giorni“, afferma Geisler.

Il ricercatore sottolinea inoltre che “l’inibizione a lungo termine della GABA-transaminasi ha portato a una diminuzione dell’assunzione di cibo e alla perdita di peso“.

In collaborazione con scienziati dell’Università di Washington, i ricercatori hanno dimostrato che, nelle persone con insulino-resistenza, il fegato esprime più geni coinvolti nella produzione e nel rilascio di GABA.

Ora verrà esaminato l’uso di un inibitore delle transaminasi GABA approvato dalla Food and Drug Administration disponibile in commercio per migliorare la sensibilità all’insulina nelle persone con obesità. “Un nuovo target farmacologico è solo il primo passo per l’applicazione, mancano anni per raggiungere la farmacia di quartiere”, conclude Renquist.