stradivari
Photo by Beth Rufener on Unsplash

Un team internazionale di ricercatori ha confermato che il famoso liutaio Antonio Stradivari e altri liutai trattavano i loro strumenti con sostanze chimiche responsabili del loro suono unico, e molti di loro sono stati identificati per la prima volta.

Joseph Nagyvary, professore emerito di biochimica alla Texas A&M University e coautore dello studio, ha proposto per primo la teoria secondo cui le sostanze chimiche utilizzate nella fabbricazione dei violini – non tanto la capacità di realizzare lo strumento stesso – costituiscono la ragione per cui Stradivari e altri fossero in grado di realizzare strumenti il ​​cui suono non è stato eguagliato da oltre 200 anni. I risultati del team guidato da Hwan-Ching Tai, professore di chimica alla National Taiwan University, sono stati pubblicati su Angewandte Chemie International Edition.

 

Trattamento aggressivo

Circa 40 anni fa, alla Texas A&M University, Nagyvary fu il primo a dimostrare una teoria su cui aveva passato anni a studiare: la ragione principale del suono puro, oltre all’artigianato fine, erano le sostanze chimiche usate da Stradivari e altri per trattare gli strumenti e scongiurare un’infestazione da vermi. “Tutta la mia ricerca in molti anni si è basata sul presupposto che il legno dei grandi maestri avesse subito un trattamento chimico aggressivo, e questo ha avuto un ruolo diretto nella creazione del grande suono di Stradivari e Guarneri“, ha spiegato Nagyvary.

Le attuali scoperte del team di ricerca mostrano che borace, zinco, rame e allume, insieme all’acqua di calce, sono stati usati per trattare il legno utilizzato negli strumenti. “Il borace ha una lunga storia come conservante, che risale agli antichi egizi, che lo usavano nella mummificazione e successivamente come insetticida“, ha detto Nagyvary. “La presenza di queste sostanze chimiche indica una collaborazione tra liutai e farmacie e farmacisti locali dell’epoca. Sia Stradivari che Guarneri avrebbero voluto curare i loro violini per evitare che i vermi mangiassero il legno, perché le infestazioni da vermi erano così diffuse a quel tempo”.

 

Metodi casalinghi

Secondo Nagyvary, ogni liutaio probabilmente usava i propri metodi fatti in casa per trattare il legno. “Questo nuovo studio rivela che Stradivari e Guarneri avevano il loro metodo individuale di lavorazione del legno, al quale avrebbero potuto attribuire un notevole significato“, ha affermato.

Le ricette della vernice non erano segrete perché la vernice stessa non è un fattore determinante per la qualità del colore. Al contrario, il processo con cui le tavole di abete fresco sono state trattate e lavorate con una varietà di trattamenti chimici a base d’acqua è fondamentale per il suono del violino finito. Quella conoscenza era necessaria per ottenere un “vantaggio competitivo” rispetto ad altri produttori di strumenti, ha affermato.

Inoltre, le sostanze chimiche utilizzate si trovano ovunque e all’interno del legno, non solo sulla sua superficie, e questo ha influenzato direttamente la qualità del suono degli strumenti.

Saranno necessarie ulteriori ricerche per chiarire altri dettagli su come le sostanze chimiche e il legno producono una qualità tonale pura. Nagyvary è stato coinvolto nella ricerca sul violino per gran parte dei suoi 87 anni. Ha imparato a suonare in Svizzera su uno strumento che apparteneva ad Albert Einstein.