uomini-covid-19
Photo by Victor He on Unsplash

Una ricerca del Centro per lo studio del genoma umano e delle cellule staminali, dell’Istituto di biologia dell’Università di San Paolo, suggerisce che gli uomini potrebbero essere i principali trasmettitori del nuovo coronavirus in relazione alle donne. I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla piattaforma medRxiv.

Pare, dunque, ci siano differenze tra uomini e donne nella suscettibilità e trasmissione del Covid-19 tra le coppie con contatto diretto senza misure di protezione. L’indagine epidemiologica è stata condotta da luglio 2020 a luglio 2021, includendo 1.744 coppie brasiliane non vaccinate contro il Covid-19, con almeno uno dei partner infetto e diagnosticato.

I dati raccolti hanno mostrato che gli uomini sono stati i primi o gli unici contagiati nella maggior parte dei casi, comprese le coppie concordanti – quando entrambe erano infette – come nelle coppie discordanti, quando un partner è rimasto asintomatico nonostante lo stretto contatto con l’infetto. In totale, 946 uomini sono stati contagiati per la prima volta rispetto a 660 donne.

Questa scoperta conferma ed è in linea con le scoperte fatte in recenti studi che abbiamo effettuato, che già indicavano che gli uomini possono trasmettere il nuovo coronavirus“, ha affermato Mayana Zatz, professore presso l’IB-USP.

 

Il supporto di un altro studio

Un altro studio, pubblicato all’inizio di agosto dai ricercatori di Human Genome and Stem Cell Studies sulla rivista Diagnostics, ha scoperto che gli uomini hanno una carica virale nella loro saliva circa dieci volte maggiore delle donne, in particolare fino a 48 anni di età. La differenza di carica virale non è stata rilevata nei test con campioni nasofaringei.

Dal momento che il virus viene trasmesso principalmente da goccioline di saliva, abbiamo dedotto che questo spiegherebbe perché gli uomini trasmettono più virus delle donne“, ha detto Mayana.