anticorpi
Image by Pete Linforth from Pixabay

La speranza per un futuro senza paura del Covid-19 si riduce agli anticorpi circolanti e alle cellule B della memoria (linfociti). A differenza degli anticorpi circolanti, che raggiungono il picco subito dopo la vaccinazione o l’infezione solo per scomparire pochi mesi dopo, le cellule B della memoria possono circolare per prevenire malattie gravi per decenni. E si evolvono nel tempo, imparando a produrre “anticorpi della memoria” successivamente più potenti, più capaci di neutralizzare il virus e più capaci di adattarsi alle varianti.

La vaccinazione produce maggiori quantità di anticorpi circolanti rispetto all’infezione naturale. Ma un nuovo studio suggerisce che non tutte le cellule B di memoria sono uguali. Mentre la vaccinazione dà origine a cellule B della memoria che si evolvono nell’arco di poche settimane, l’infezione naturale dà origine a cellule B della memoria che continuano ad evolversi per diversi mesi, producendo anticorpi molto potenti in grado di eliminare anche le varianti virali.

I risultati evidenziano un vantaggio conferito dall’infezione naturale rispetto alla vaccinazione, ma gli autori avvertono che i benefici di cellule B di memoria più forti non superano il rischio di disabilità e morte per Covid-19.

 

Il corpo contro il Covid-19

Quando un virus entra nel corpo, le cellule immunitarie producono immediatamente orde di anticorpi circolanti. Soldati di fanteria del sistema immunitario, questi anticorpi lavorano intensamente, ma decadono a ritmi variabili – a seconda del vaccino o dell’infezione – possono proteggerci per mesi o anni, ma poi diminuiscono di numero, consentendo una possibile reinfezione.

Il sistema immunitario ha un piano di riserva: un gruppo d’élite di cellule B della memoria che sopravvivono agli anticorpi circolanti per produrre i cosiddetti anticorpi della memoria, che forniscono protezione a lungo termine. Gli studi suggeriscono che le cellule B della memoria del vaiolo durano per almeno 60 anni dopo la vaccinazione; quelli dell’influenza spagnola , quasi un secolo. E mentre le cellule B della memoria non bloccano necessariamente la reinfezione, possono prevenire gravi forme di malattia.

Recenti studi hanno suggerito che entro cinque mesi dalla ricezione del vaccino o dalla guarigione da un’infezione naturale, alcuni di noi non conservano più abbastanza anticorpi circolanti per tenere a bada il nuovo coronavirus, ma le nostre cellule B della memoria rimangono vigili. Fino ad ora, tuttavia, gli scienziati non sapevano se i vaccini potessero fornire il tipo di risposte robuste delle cellule B di memoria osservate dopo l’infezione naturale.

 

Il vantaggio della convalescenza

Nussenzweig e colleghi hanno deciso di rilevare eventuali differenze nell’evoluzione delle cellule B della memoria confrontando campioni di sangue di pazienti convalescenti con covid-19 con quelli di individui vaccinati con RNA messaggero o mRNA (i vaccini Moderna e Pfizer/BioNTech), che non avevano subito un’infezione naturale.

La vaccinazione e l’infezione naturale hanno generato un numero simile di cellule B di memoria. Le cellule B della memoria si sono evolute rapidamente tra la prima e la seconda dose di vaccini mRNA, producendo anticorpi della memoria sempre più potenti. Ma dopo due mesi, i progressi si sono fermati. Le cellule B della memoria erano presenti in gran numero e stavano esprimendo potenti anticorpi, ma non stavano diventando più forti. Sebbene alcuni di questi anticorpi possano neutralizzare delta e altre varianti, non è stato riscontrato alcun miglioramento complessivo dell’ampiezza.