granchi plastica cibo
Foto di Free-Photos da Pixabay

Nel mondo antropogenico odierno, i granchi eremiti che circolano sulle spiagge in cerca di cibo, devono affrontare alcuni ostacoli che non sono solo i predatori. Come sappiamo sulle nostre spiagge ci sono sempre più quantità di plastica, aumentando fortemente l’inquinamento di questi siti. Invece di assaporare del cibo invitante, i granchi si trovano a mangiare plastica, davvero non invitante.

Nuovi studi hanno rilevato che sostanze chimiche rilasciate dall’inquinamento da plastica avvelenano il cibo preferito di questi animaletti e confondono quest’ultimi in esperimenti in laboratorio. L’oleamide ha una sorprendente somiglianza con l’acido oleico, una sostanza chimica per la decomposizione.

 

Inquinamento da plastica, i granchi possono confondere le tossine con il cibo

Definiti come spazzini questi granchi possono identificare in modo sbagliato l’oleamide come cibo, finendo in trappola. Lo studio mostra che l’oleamide attrae maggiormente i paguri e la loro frequenza respiratoria aumenta in risposta a basse concentrazioni di oleamide. È un comune additivo plastico utilizzato come sostanza di scorrimento rilaciato dopo la modellatura.

Aiuta anche la struttura interna della plastica, come il polipropilene, a scorrere senza intoppi e viene utilizzata in un ampio numero di contenitori per alimenti. Tuttavia è una molecola che si trova anche nel plasma sanguigno in modo naturale o nei feromoni animali. Ad esempio nel gambero pulitore, è stato scoperto che l’ oleamide aiuta a catalizzare una risposta di accoppiamento nei partner sessuali attraverso un bouquet di feromoni.

Gli additivi di plastica che imitano gli infochimici marini possono essere un problema non limitato ai paguri e non limitato all’odore associato al cibo. Nel frattempo le cozze hanno problemi con la l’inquinamento da plastica. È stato scoperto che il DEHP, un comune additivo ammorbidente per plastica nel PVC, interferisce con i sistemi di riproduzione dei mitili blu. Questa sostanza chimica contribuisce a quasi il 40% del mercato globale dei plastificanti, nonostante la sua nota tossicità biologica.

 

Contribuire alla fame e alla sessualità di alcune creature oceaniche

Gli animali reagiscono in modo diverso a queste tossine, insieme ai cambiamenti chimici causati dall’aumento della temperatura indotto dai cambiamenti climatici, a seconda del loro sesso. Mentre il DEHP ha incasinato la capacità delle cozze femmine di esprimere i geni per i loro recettori correlati agli estrogeni, nei maschi, questi geni sembrano essere espressi in modo più elevato a temperature dell’acqua più elevate, il che ha aumentato i loro organi di riproduzione fuori stagione.

Sebbene questi studi riguardassero l’esposizione sperimentale degli animali alle sostanze chimiche in questione, sono stati condotti all’interno del laboratorio. Potrebbero non tenere pienamente conto di tutti i fattori che sarebbero coinvolti nei loro ambienti naturali. Tuttavia è molto preoccupante che queste sostanze creino questi problemi a queste specie studiate.

È ancora più preoccupante data la quantità di altre sostanze chimiche che abbiamo nelle acque del nostro mondo attraverso l’inquinamento da plastica. Questa dipendenza potrebbe contribuire alla fame e alla frustrazione sessuale di innumerevoli creature oceaniche, comprese le nostre stesse fonti di cibo.

Foto di Free-Photos da Pixabay