tempeste
Photo by Felix Mittermeier on Unsplash

Uno dei maggiori pericoli per le persone in tutto il mondo sono le grandi tempeste che generano inondazioni, tornado e altri disastri. Gli scienziati della Stanford University hanno pubblicato un nuovo studio che ritengono risolva un mistero che ha a che fare con i pennacchi di ghiaccio e vapore acqueo che a volte appaiono sopra durante le tempeste. I ricercatori affermano che questi misteriosi pennacchi di ghiaccio potrebbero prefigurare tempeste di supercelle potenzialmente mortali.

Gli scienziati sanno che, quando pennacchi di ghiaccio e vapore acqueo si alzano al di sopra di forti temporali, le possibilità di tornado, forti venti o grandine che colpiscono la terra sottostante sono alte. Il nuovo studio di Stanford ha scoperto il meccanismo alla base di questi pennacchi e il suo legame con un fenomeno osservato da Leonardo Da Vinci più di 500 anni fa.

I pennacchi sono legati a un fenomeno chiamato “salti idraulici“. Una delle domande a cui lo studio ha cercato di rispondere era il motivo per cui i pennacchi erano associati alle peggiori condizioni meteorologiche. La ricerca in passato ha mostrato che pennacchi del genere sono facili da individuare nelle immagini satellitari e spesso si manifestano 30 minuti o più prima che il maltempo colpisca il terreno sottostante.

 

Lo studio

L’autore principale dello studio Morgan O’Neill è un assistente professore di scienze del sistema terrestre a Stanford.

Le tempeste di supercelle hanno un tiraggio rotante che può spingersi nel cielo a velocità superiori a 150 miglia all’ora. Queste correnti ascensionali hanno la forza di perforare la troposfera, che è lo strato più basso dell’atmosfera. Utilizzando simulazioni di temporali con supercelle, i ricercatori hanno scoperto che la tempesta di vento in discesa causata dall’aumento dell’aria nelle tempeste potrebbe generare velocità del vento di oltre 390 km/h.

L’aria estremamente secca che scende dalla stratosfera incontra l’aria umida che sale dalla troposfera in un getto d’aria molto stretto ed estremamente veloce. I ricercatori osservano che velocità del vento così elevate non sono mai state osservate o ipotizzate in passato. Il nuovo modello suggerisce che la turbolenza nell’atmosfera che accompagna queste tempeste “piumate” è creata da un fenomeno chiamato salto idraulico. Le simulazioni suggeriscono che un salto idraulico coincide con una rapida iniezione di vapore acqueo nella stratosfera a velocità fino a 7.000 chilogrammi al secondo. Anche se questo fenomeno deve ancora essere confermato, O’Neill afferma che abbiamo la tecnologia per verificare i modelli, cosa che i ricercatori sperano di fare.