anticorpi
Photo by Martin Sanchez on Unsplash

Un anticorpo monoclonale “ultrapotente” è stato scoperto nella lotta contro il COVID-19, grazie alla tecnologia sviluppata presso il Vanderbilt University Medical Center, come ha annunciato mercoledì scorso lo stesso ospedale. La nuova tecnologia – chiamata LIBRA-seq, che sta per Linking B-cell Receptor to Antigen Specificity through Sequencing – ha contribuito ad accelerare la scoperta di anticorpi in grado di neutralizzare più varianti di SARS-CoV-2, inclusa la variante Delta.

La nuova scoperta combatte contro un ostacolo i cui effetti si stanno già riscontrando con i vaccini e la variante Delta. Proprio come i vaccini si stanno dimostrando meno efficaci contro quella particolare variante, lo sono anche i trattamenti con anticorpi monoclonali. “Fondamentalmente, alcuni di questi candidati anticorpali non sono più efficaci“, ha affermato Ivelin Georgiev, direttore del Vanderbilt Program in Computational Microbiology and Immunology e direttore associato del Vanderbilt Institute for Infection, Immunology and Inflammation. Questo perché, poiché il COVID-19 è mutato nella variante Delta, gli anticorpi per le varianti più vecchie non funzionano altrettanto bene. “Non abbiamo alcuna garanzia che questi anticorpi che sono là fuori continueranno ad essere efficaci contro eventuali nuove varianti che si verificano“, ha detto Georgiev.

Secondo un comunicato di Vanderbilt, “Georgiev e i suoi colleghi descrivono l’isolamento di un anticorpo monoclonale da un paziente che si era ripreso dal COVID-19 ‘mostra una potente neutralizzazione’ contro SARS-CoV-2. È anche efficace contro le varianti del virus che stanno rallentando gli sforzi per controllare la pandemia”.

VUMC ha affermato che i ricercatori possono anche utilizzare la tecnologia per schermare gli anticorpi contro qualsiasi variante attuale del COVID-19, e i ricercatori sperano anche altri virus che non hanno ancora causato malattie umane ma hanno il potenziale per farlo. “Questo è un modo per costruire in modo proattivo un repertorio di potenziali terapie contro future epidemie“, ha affermato Georgiev. “Gli agenti patogeni continuano ad evolversi e stiamo praticamente giocando a recuperare“.

 

Nuovi orizzonti

La tecnologia non si ferma solo al COVID-19. “Abbiamo avuto applicazioni di successo di questa tecnologia per l’HIV, l’influenza, l’epatite C e alcuni altri bersagli virali“, ha detto Georgiev. Per il quale è necessario un “approccio più proattivo” per aiutare ad anticipare i focolai futuri prima che si verifichino e prevenire il ripetersi di COVID-19, “o qualcosa di peggio che accada in futuro“.

È stato un lungo anno e mezzo, motivo per cui i ricercatori si dicono felici di vedere che questa nuova tecnologia offre una possibilità per un domani migliore. “Ogni nuova scoperta che facciamo aumenta la speranza“, ha detto Georgiev.

La ricerca è stata pubblicata il 15 settembre sulla rivista Cell Reports.